Con chi ce l'ha l'allenatore nerazzurro?

Conte si è detto fiducioso sulla sua squadra alla vigilia del match contro il Brescia: "Oggi tutti hanno interesse a vedere il bicchiere mezzo vuoto creando problemi all'Inter, ma noi dobbiamo proseguire per la nostra strada"

L'Inter di Antonio Conte è ancora tecnicamente in corsa per poter vincere lo scudetto ma da ora in poi non potrà più sbagliare e soprattutto dovrà sperare in più passi falsi delle due squadre di testa. Questa sera allo stadio Meazza i nerazzurri ospiteranno il Brescia penultimo in classifica e hanno un solo risultato disponibile: la vittoria per riportarsi a meno 4 dalla Lazio e a meno 8 dalla Juventus di CR7 e Dybala, insaziabile ieri sera contro il Genoa di Davide Nicola.

Conte sibillino

Antonio Conte ai microfoni di InterTV si è mostrato determinato e fiducioso nei confronti del suo gruppo e ha lanciato una provocazione: "Ci sono tantissime cose positive, bisogna vedere se si vuole vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto. Oggi tutti hanno interesse a vedere il bicchiere mezzo vuoto creando problemi all'Inter, ma noi dobbiamo proseguire per la nostra strada". Molti si sono chiesti con chi ce l'abbia di preciso l'allenatore dell'Inter se con i media e i giornalisti o con chi gravita attorno al mondo nerazzurro.

Conte si è detto determinato, ancora di più dopo la vittoria di Parma arrivata nel finale e inaspettatamente:"C'è pochissimo tempo per preparare la gara contro il Brescia, però sappiamo qual è l'obiettivo: fare una buona partita e cercare di ottenere il massimo, quindi i 3 punti. Sappiamo che è un mini torneo e abbiamo bisogno di ottenere la vittoria. Mi aspetto un Brescia che viene a San Siro per fare risultato, perché ha bisogno di punti su ogni campo quindi bisognerà fare molta attenzione. Al tempo stesso però anche noi siamo assetati di punti e abbiamo voglia di vincere", questo il pensiero dell'ex di Juventus e Chelsea.

In piena emergenza

L'Inter ha dovuto affrontare queste prime partite in piena emergenza a centrocampo dato che Marcelo Brozovic, Matias Vecino e Stefano Sensi hanno dato forfait per infortunio mettendo nei guai Conte. Il tecnico nerazzurro ha parlato dei recuperi del croato e dell'uruguaiano, mentre ci vorrà più tempo per l'italiano:"In questo momento i cambi sono fondamentali, io mi auguro che da qui alla fine sia gli 11 iniziali sia chi entra possa dare sempre il 100%, Ho fiducia in tutta la rosa, l'importate è che cambiando l'ordine degli addendi il risultato non cambi e che sia una vittoria".

Inter scatenata

C'è da portare a termine una stagione con l'Inter che deve ancora guadagnarsi matematicamente l'accesso alla prossima Champions League, ma soprattutto ci sarà da giocarsi, nel mese di agosto, la possibilità di poter vincere l'Europa League, competizione ad ampia portata dei nerazzurri. Dopo aver acquistato l'esterno Achraf Hakimi dal Real Madrid per 40 milioni di euro più 5 di bonus Ausilio e Marotta stanno lavorando anche per rinforzare la fascia sinistra e gli obiettivi sono importanti: David Alaba del Bayern Monaco e Marcos Alonso o Emerson Palmieri in uscita dal Chelsea. Anche in attacco si punta a rinforzare trattenendo Sanchez e aggiungendo un altro top in attacco confidando che resti anche Lautaro Martinez la cui clausola da 111 milioni di euro scadrà il prossimo 7 luglio con il Barcellona che difficilmente riuscirà a sferrare un grande colpo entro quella data.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.