Dakar 2020, l'olandese Edwin Staver grave dopo un brutto incidente

Il 48enne olandese Edwin Staver versa in gravi condizioni all'ospedale di Riad dopo la brutta caduta di ieri nell'11esima tappa della Dakar

Dakar 2020, l'olandese Edwin Staver grave dopo un brutto incidente

La Dakar 2020 sta giungendo al termine ma è stata funestata dalla morte del pilota di moto portoghese Paulo Gonçalves, che ha perso la vita a 40 anni durante la settima tappa in Arabia Saudita dopo essere stato vittima di una brutta caduta. Nella giornata di ieri, undicesima tappa, però è giunta un'altra brutta notizia con il grave incidente occorso al pilota olandese della Ktm Edwin Staver che è ora ricoverato in gravissime condizioni all'ospedale di Riad.

Il motociclista 48enne è caduto malissimo tra il secondo e il terzo waypoint riportando la rottura di una vertebra cervicale un arresto cardiaco. Staver era alla sua terza Dakar e gareggiava nella categoria Original, riservata ai piloti senza assistenza. Nel 2018 chiuse il raid al 49esimo posto in classifica generale, mentre l'anno scorso fece molto meglio chiudendo al 30esimo posto aggiudicandosi la vittoria nella sua categoria.

Fino a ieri, invece, occupava il 38esimo posto e il quarto nella sua categoria ma ora Edwin sta combattendo una battaglia ben più importante: quella per la vita. Secondo quanto riportano i media olandesi Staver pare sia caduto ad una velocità di circa 50 km/h e pare sia stato per ben 10 minuti in arresto cardiato prima di essere rianimato e poi portato presso l'ospedale di Riad.

Oggi ci sarà l'ultima tappa di questa Dakar 2020 che volge al termine ma in maniera molto triste per la morte del portoghese Paulo Gonçalves e per le gravi condizioni in cui versa il 48enne olandese Staver. Il percoso dell 12esima tappa partirà da Haradh fino a Qyddiya e sarà ridotto a meno della metà della distanza canonica per colpa di un gasdotto. I piloti in questo indioso e duro percorso troveranno nel tragitto circa 35% di sabbia, un 30% di asfalto, un 22% di terra, un 10% di dune ed un 3% di rocce.

La morte di Gonçalves avvenuta domenica durante la settima tappa della Dakar porta a quota 72 morti il tragico bilancio della famosa, affascinante, ma pericolosa e letale competizione che quest'anno si è corsa per la prima volta in Arabia Saudita. Nella giornata di sabato 11 gennaio cadeva il quindicesimo anniversario della scomparsa di Fabrizio Meoni, il pilota azzurro morto nel 2005, e ultimo in grado di vincere la Dakar. Ciò che tutti ora si augurano è di non vedere aggiornata la statistica sulle vittime della Dakar con Staver che sta ancora lottando tra la vita e la morte.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

Commenti