Diego e la peggiore partita della sua vita

Da Pibe de oro a fantasma di se stesso che si cala i calzoni e mostra il sedere

La vita di un campione non dovrebbe mai finire. Nemmeno la morte può cancellare la storia e la memoria di una carriera. Diego Armando Maradona si trascina una vita di momenti miserabili che mai dovrebbero appartenere a quello che è stato uno dei più grandi, assieme a Pelé, interpreti del football. Un filmato in rete, nemmeno vigliacco perché lo ha girato uno dei suoi compari, lo riprende mentre, tenendo per mano la sua ex compagna Veronica Ojeda, tenta di ballare, sulle note di Bombon Asesino, cantato dai Los Palmeras. Potrebbe darsi di un video datato, roba antica tirata fuori dalla cassapanca dei veleni, Diego è un bersaglio facile per le iene dei social. Tristissima scena, comunque, in un contorno anonimo, un tinello, un paio di amici, Diego si muove faticosamente trascinandosi sulle ciabatte pure queste malinconiche per due piedi che hanno fatto ubriacare il mondo. Ma la storia non è più quella di Barcellona e di Napoli, non è più quella dell'Argentina, si è fatta cronaca, è agonia di un fuoriclasse che vive un tramonto indegno. Diego Armando farfuglia, arranca, caracolla, abbraccia Veronica, da lei si fa cingere i fianchi, lordosi, la favola si è ribaltata, il principe si è fatto rospo, il re è diventato giullare, si cala i pantaloni, mostra le natiche come a tentare un'altra delle sue sfide al mondo. Invece è l'abbandono che provoca pietà, compassione e rabbia. Non ci sono alibi o giustificazioni. Diego ha avuto tutto e tutto ha usato. Sarebbe stato il grandioso ambasciatore del football per i bambini di ogni parte del mondo. È un uomo solo con la sua pena. Quei fotogrammi sono la peggiore partita della sua esistenza. I suoi mille numeri da artista grandioso sono coriandoli bagnati, calpestati da un ballerino malato. Con la speranza che sia soltanto una pagina antica, come i suoi gol.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Popi46

Mer, 24/06/2020 - 10:26

Evidentemente de oro aveva il pibe, non il cervello (che,in genere,serve di più)

Ritratto di Beppe58

Beppe58

Mer, 24/06/2020 - 10:28

Triste, muy triste. Solitario y final.

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Mer, 24/06/2020 - 11:16

Detto da un mio parente calciatore (ebbene sì) che conosceva l'ambiente: "Maradona è come quei leoni del circo che escono dalla gabbia, fanno magnificamente il loro numero in pista e alla fine è bene vengano rimessi in gabbia attraverso il tunnel." In altre parole: l'atleta è una cosa, l'uomo un'altra. Sekhmet.

linea56

Mer, 24/06/2020 - 12:44

Certo dopo GEORGE e Pele' c'e' stato lui come calciatore,come uomo una nullita' Giuseppe

Ritratto di giovinap

giovinap

Sab, 27/06/2020 - 10:11

linea96, l'uomo maradona è mal riuscito! ma il calciatore maradona è quello che ha inventato il calcio moderno! infatti nella storia del mondo c'è l'avanti cristo(A.C.)e il dopo cristo(D.C.)nel calcio c'è l'avanti maradona e il dopo maradona. "george" non so chi sia(forse è il tuo fruttivendolo?)pelè se giocava nella stessa squadra di maradona son si sarebbe mai mosso dalla panchina! p.s. toglimi una curiosità: sei pugliese?