Sport

Via lo sponsor dalle maglie dell'Inter: ecco cosa può succedere

I nerazzurri toglieranno dalle maglie, già a partire da ottobre, il main sponsor Digitalbits a causa dei ritardi dei pagamenti

Via lo sponsor dalle maglie dell'Inter: ecco cosa può succedere

L'Inter ha definitivamente rotto con "Digitalbits". Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport a breve, forse già dalla sfida di campionato contro la Roma, lo sponsor sparirà dalla maglia nerazzurra e lo farà per tutta la stagione. L'Inter aveva già oscurato Digitalbits dal sito ufficiale in estate per via dei mancati pagamenti e ora il club della famiglia Zhang è a caccia di un'alternativa. Secondo quanto riportato dalla rosea, infatti, l'interruzione del rapporto tra il club e l'azienda di criptovalute è diventata inevitabile a causa dei ritardi nei pagamenti.

Nel 2021-2022 Digitalbits era stato sponsor di manica per poi essere promosso a "main sponsor" con un accordo complessivo da 85 milioni in quattro anni. Il mancato pagamento della prima tranche, che sarebbe dovuta avvenire a luglio, aveva fatto suonare il campanello d'allarme con la scelta poi della società di togliere visibilità al marchio sulle proprie piattaforme web, oltre che di rimuoverlo dalle divise della prima squadra ma anche di quelle femminile e della Primavera nerazzurra. L'Inter è già a caccia di un nuovo partner ma non è assolutamente da escludere che possa concludere l'intera stagione senza alcuno sponsor.

Società presente

I tifosi della Curva Nord nerazzurra ma non solo hanno preso posizione contro Steven Zhang invitato ad andersene. In realtà il presidente non ha alcuna intenzione di lasciare, anzi raddoppia. Mercoledì 28 settembre, infatti, si è riunito il Consiglio di amministrazione della società con il numero uno del club che ha pronti più di 100 milioni di euro per incrementare la liquidità.

L'Inter ha anche diramato un comunicato ufficiale per informare dell'approvazione del bilancio dell'esercizio 2021-2022: "Il Consiglio di Amministrazione di F.C. Internazionale Milano S.p.A. ha approvato il bilancio consolidato dell’esercizio finanziario 2021/2022. Il bilancio sarà sottoposto all’approvazione da parte dell’Assemblea degli azionisti di F.C. Internazionale S.p.A., che sarà convocata alla fine di ottobre".

Nel Cda dell'Inter è stato presentato il bilancio al 30 giugno scorso, con un passivo intorno ai 140 milioni: deficit ridotto rispetto al meno 246 del precedente esercizio. Secondo quanto riporta la Gazzetta dello Sport, dunque, il maxiaumento di capitale previsto permetterebbe all'Inter di ripianare totalmente le perdite e respirare. Suning e Zhang jr, dunque, con questi fatti metterebbero a tacere le molte voci sulla vendita del club che si rincorrono ormai da mesi.

Se prossimamente però non arriverà il rinnovo di contratto di Milan Skriniar, a gennaio lo slovacco potrebbe essere ceduto per evitare il rischio di perderlo a zero euro a fine stagione. Se dovesse partire, ovviamente, arriverebbe almeno un altro difensore, se non due: è anche per questo che, in questa fase, l'aumento di capitale è visto come una salutare boccata d'ossigeno per le casse nerazzurre.

Commenti