Djokovic nonostante gli ultrà a stelle e strisce

Tutto il pubblico per Federer. Ma lo UsOpen va a Nole

Non basta aver vinto il decimo titolo di uno Slam, non basta essere il numero uno del tennis, non basta aver ripetuto l'annata - irripetibile, dicevano - del 2011, quando si portò a casa come quest'anno tre dei quattro Major. E non basta neanche aver sfiorato il Grande Slam, perché se non ci fosse stato Wawrinka a Parigi saremmo qui a celebrarlo. Non basta: a Novak Djokovic si chiede di più, sconfiggere gli ultrà che sempre più riempiono le gradinate quando in campo c'è Roger Federer. Suo malgrado, s'intende.

A Wimbledon si era intuito già qualcosa, ma l'altra sera a New York la finale maschile degli UsOpen ha superato ogni aspettativa: ha vinto Djokovic in quattro set (4-6, 7-5, 6-4, 6-4), ma dov'è finita l'educazione di questo sport? Ogni colpo di Federer era un'ovazione, ogni sbaglio di Djokovic un'esultanza. Becera, perfino. Sì, vabbè: tutti noi sognavamo di vedere il grande campione svizzero ancora una volta con uno Slam in mano. Ma c'è un limite. Ed è stato superato.

Djokovic alla fine è stato signore: «Non posso dire nulla alla gente: capisco chi tifa per il più grande campione di questo sport. Roger è un esempio, adesso che sono anch'io giocatore, padre e marito. Vorrà dire che lavorerò per avere in futuro tutto questo entusiamo anche per me». E dal canto suo Federer - che ha giocato benissimo, ma sbagliato un po' troppo (54 errori non forzati e solo 4 palle break convertite su 23) rende onore al rivale: «Il tifo? È bello avere tutte queste persone dalla tua parte. Però Nole merita rispetto: è stato impressionante, la sua carriera è incredibile. Può vincere altri Slam, probabilmente ne conquisterà più di me». Ecco: questi sono campioni. Questi sono il numero 1 e il numero 2 del mondo. Ora l'America del tennis dovrà tornare a meritarseli.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Tadoric39

Mar, 15/09/2015 - 15:09

Caro signor Marco Lombardo, non c'è da stupirsi nel tifo di oggi, anche per il tennis, dove una volta si assisteva in un religioso silenzio e si esplodeva solo al colpo spettacolare. Guardi la Coppa Davis e poi mi darà ragione. Tifo da stadio di calcio. Per quanto riguarda Nole, per me, quando gioca, si dimostra assai antipatico : quando sbaglia si guarda la caviglia il braccio il gomito la coscia e quant'altro e sbuffa o alza gli occhi al cielo, come dire, ma come ho fatto a sbagliare io che sono un Dio. Questo di Roger non può dirlo, quando sbaglia amen, poi ricomincia a giocare come nulla fosse.