Fede e le ragazze d'oro Nuovo Dream Team azzurro

Europei di nuoto, la Pellegrini porta la staffetta al primo titolo della storia. Argebti per la Barbieri e Di Tora nei 100 e 50 dorso

Fede e le ragazze d'oro Nuovo Dream Team azzurro

Federica Pellegrini fa scoprire all’Italia dello sport un altro Dream team in rosa. Quel­le in maschera, queste in costume, ma tutte ad effetto tigre. Dopo le ragazze del fioretto, ecco la staffetta 4x200 stile libero che conqui­sta l’oro che vale un inchino. Oro europeo che fa scintillio e fa storia perchè mai prima d’ora una staffetta era arrivata tanto in alto. Quartet­to di donne trainato dalla solita supercapita­na che ci ha messo tutto: suspence per il cam­bio al limite della regolarità nello stacco dal blocco,rimonta vigorosa sull’ungherese Hos­stzu, per poi distendersi nel volo preferito.

Brava Federica che ha nuotato in 1’55“3, splendide le compagne: Alice Mizzau, friula­na diciannovenne, che ha lanciato la gara con il record personale tenendo botta alle tede­sche, la tosta Alice Nesti e la matricola quindi­cenneDilettaCarli, chehapermessoallacapi­tana di partire senza troppo distacco a caccia delleungheresi. UnmondodiAlici, diletteefe­de: sembra una voglia del destino. Oro e pass olimpico (7’52“90 tempo sotto il limite, in attesa di ratifica per rientrare nelle 16 staffette per i Giochi)è stato tutt’uno.Pure il conto del medagliere comincia a farsi inte­ressante: terzo oro che si aggiunge a tre bronzi e tre argenti, due dei quali acchiappati ieri. Ma la staffetta ha dato davvero il senso di una crescita di squadra . Pellegrini sempre davan­ti a tutte, ma ora le ragazze fanno sul serio. Ed è stato il solito spettacolo di allegria quello of­ferto sul podio dove Federica e le amiche han­no cantato a squarciagola “Fratelli d’Italia“. Felicità e felicità, hanno raccontato. La Pelle­grini qualcosa di più. «Sono contenta, anche perché questa cosa all’Italia non è mai capita­ta. E domani (oggi, ndr) finalmente comin­cio. Girarmi i pollici e vedere gli altri gareggia­re per due giorni non è stato facile ». Oggi Fede­rica proverà i 200 sl. in attesa della finale di sa­bato. Intanto ieri Filippo Magnini, ha ottenu­to il secondo tempo di qualifica per la finale dei 100 sl di oggi. Bellissimo anche il sorriso di Arianna Bar­bieri, 23enne matricola nata vicino a Padova, che si allena a Bologna con Mirko Di Tora nel dorso. Il caso ha voluto che entrambi abbiano conquistato la stessa medaglia. Argento nel 100 per lei, e argento nei 50 dorso per lui (24“95).Garachiusadietroloscatenatoisrae­liano Jonatan Kopelev e finita sull’inconsue­to podio a cinque persone per tre bronzi ex ae­quo. Invece Arianna, già qualificata a Londra e classificata fra le top girl per estetica, ha nuo­tato in 1'00'54, dietro solo alla tedesca Men­sing (1'00'08). Sesta l'altra azzurra Carlotta Zofkova. Infine un po’ di sfortuna per Ilaria Bianchi, nostra signora della farfalla che dopo aver conquistato il pass olimpico dei 100, in matti­nata, in semifinale è stata squalificata per una nuotatasubacqueatroppolunga, pochicenti­metri . Al suo posto Silvia Di Pietro.Come ve­dete l’Italia in rosa non molla nulla.

Commenti