Fumata bianca all'Inter: perché Conte resta in panchina

Il vertice fiume in casa Inter ha prodotto la fumata bianca con Antonio Conte che sarà ancora l'allenatore nella prossima stagione: "Gettate le basi per il futuro"

Fumata bianca all'Inter: perché Conte resta in panchina

Il vertice tanto atteso in casa Inter tra Antonio Conte, Steven Zhang e tutta la dirigenza nerazzurra, avvocato del club compreo, ha avuto luogo e ha partorito un'inaspettata fumata bianca con il tecnico che resta saldamente al suo timone. Dopo un meeting fiume le parti hanno convenuto che fosse ancora produttivo continuare e restare insieme per 48 milioni di motivi e per la felicità di tutti, tifosi compresi che potranno di nuovo ammirare il tecnico salentino guidare l'assalto all'Europa e al tricolore per cercare di detronizzare la Juventus di Andrea Pirlo.

Il comunicato del club

L'Inter ha annunciato l'esito positivo di questo incontro tra il giovane presidente nerazzurro e l'esperto tecnico leccese: "L'incontro di oggi tra il Club e Antonio Conte è stato costruttivo, nel segno della continuità e della condivisione della strategia. Con esso sono state stabilite le basi per proseguire insieme nel progetto".

Le regole di Antonio

Il vertice fiume di tre ore e mezza ha portato ad un sì che sembrava un no fino a qualche ora prima dell'incontro. La nuova Inter 2.0 è stata concepita fuori da Milano in una villa di Somma Lombardo dove Zhang ha rassicurato e convinto Conte a restare per continuare un progetto che tutti si augurano in società diventi vincente. Cancellate le scorie del passato ora l'Inter si prepara a pianificare il futuro dove Conte avrà maggiori poteri anche in sede di mercato e una maggiore protezione da parte della società non come avvenuto, a suo dire, nel recente passato. Gli investimenti saranno diversi e mirati a migliorare la società: in quest'ottica dopo Hakimi si preparano ad arrivare in nerazzurro almeno uno o due attaccanti con Dzeko e Mandzukic che restano valide alternative, Emerson Palmieri, Kanté e Tonali a centrocampo, Kumbulla in difesa. A salutare la compagnia al massimo un pezzo grosso con Skriniar che rischia di saltare.

Allegri "beffato"

Massimiliano Allegri aveva dato la sua disponibilità massima a prendere il posto di Conte un po' come fatto nel 2014 alla Juventus e aveva raggiunto un accordo con il club nerazzurro su base biennale. L'ex allenatore del Milan, però, è stato beffato dalla scelta del suo collega di continuare l'avventura all'Inter e ora per lui si potrebbero anche aprire le porte del Psg che cambierà guida tecnica dando il benservito a Thomas Tuchel dopo la finale persa contro il Bayern Monaco.

Così anche nella prossima stagione Conte resterà sulla panchina dell'Inter, con cui è sotto contratto fino a giugno 2022. Di conseguenza si chiudono le porte dei nerazzurri per Massimiliano Allegri, l'ex allenatore della Juventus che era già stato contattato in caso di divorzio con Conte.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?