Il giudice marcia con Schwazer "Complotto, ipotesi concreta"

Per il gip Pelino la manipolazione delle provette si basa su indizi reali. C'è anche il movente. «Si deve scavare...»

Il giudice marcia con Schwazer "Complotto, ipotesi concreta"

E adesso a parlare di complotto non è più solo Alex Schwazer. Nero su bianco, il giudice chiamato a processare il marciatore di Vipiteno per frode sportiva, dopo la squalifica per doping del 2017, ribalta il processo: e mette sotto accusa gli accusatori di Alex, ovvero i colossi dell'atletica e dell'antidoping mondiale, la Iaaf e la Wada.

L'ipotesi che i flaconi di urina dell'atleta siano stati manipolati per incastrarlo, e insieme alla sua distruggere la reputazione del suo allenatore Sandro Donati, entra di prepotenza nel processo. E il giudice ha ben chiaro in testa anche il possibile movente del complotto: «Quanto al movente ce n'è già uno plausibile anche se tutto da verificare. La richiesta di effettuare le analisi è partita il 16 dicembre 2015, giorno in cui Schwazer ha testimoniato contro i medici della Iaaf». Bisognava delegittimarlo, insomma: e la missione è stata raggiunta. «È un fatto che la sopravvenuta squalifica per doping abbia posto in pessima luce sia Schwazer come pure il suo allenatore, da sempre paladino dell'antidoping».

Un risultato che «poteva costituire un ottimo motivo per manipolare le provette».

È un siluro contro i signori dello sport mondiale, il provvedimento con cui il giudice preliminare di Bolzano Walter Pelino scioglie i suoi dubbi al termine dell'udienza del 12 settembre scorso, quando - alla presenza sia di Schwazer che di Donati - gli avvocati sia dell'atleta che della Iaaf, della Wada e della Fidal si erano affrontati senza esclusione di colpi. In un processo per frode sportiva che sembrava avviato alla condanna dell'imputato, aveva fatto irruzione la perizia dei carabinieri del Ris di Parma, che dopo essersi fatti consegnare - dopo mille fatiche, ostruzionismi, trucchi - le provette custodite in Germania avevano scoperto nell'urina di Alex una anomalia inspiegabile: una concentrazione di Dna superiore di dieci volte (forse addirittura mille) a quelle di un campione normale. Il comandante dei Ris, Giampiero Lago, aveva indicato al giudice solo tre spiegazioni possibili. La prima, che un atleta sotto sforzo produca più Dna. La seconda, che un atleta dopato produca più Dna. La terza, la più inquietante di tutti, la manipolazione. «Bisogna scavare ancora», avevano chiesto i legali di Schwazer.

Dopo oltre un mese di riflessione, Pelino decide: sì, bisogna scavare ancora. Per verificare le prime due ipotesi formulate da Lago, chiede alla Fidal e alla Wada di mettere a disposizione campioni anonimi di altri atleti iperallenati e di atleti dopati. Ma è la terza ipotesi, quella del complotto, l'unica che il giudice ritiene fin d'ora basata su indizi concreti. Primo tra tutti, i pasticci nella catena di custodia dei campioni prelevati a sorpresa ad Alex la mattina di Capodanno, e trasmessi ai laboratori con una indicazione precisa, il nome del paese di residenza del campione, Racines.

«La violazione dell'anonimato è stata sistematica e grave. L'occasione di effettuare una manipolazione vi era in ogni fase». E poi ci sono le stranezze incredibili che saltano fuori quando il giudice cerca di farsi consegnare i campioni: senza tappo, con misure che vanno e vengono. «Dove è finita la famosa precisione teutonica...», sbotta il giudice nell'ordinanza.

E poi ci sono le mail, rubate da un hacker russo ai vertici della Iaaf e diffuse su Internet, dove il capo dell'antidoping Thomas Capdevielle parla esplicitamente di complotto contro AS. False, dicono i signori dell'atletica. Ma tutto depone per una autenticità delle mail.

Commenti