A Guarin piace Mourinho: "Numero uno al mondo"

Il colombiano strizza l’occhio al tecnico del Chelsea. Inter pronta a venderlo ma c’è differenza sul prezzo. Balotelli non si cede, dice Galliani. E Raiola: "Concordo, incedibile a gennaio"

A Guarin piace Mourinho: "Numero uno al mondo"
L’Inter deve vendere il “Giaguaro“ Guarin. Il Milan e Mino Raiola smentiscono cessioni immediate (immediate nel senso di gennaio?) di Balotelli. Milano che vende non fa moda ma sta diventando una necessità. Sono finite in fase di stallo le trattative per vendere Guarin al Chelsea. Ma ora anche il giocatore ci sta facendo un pensierino. Basta interpretare la sua risposta alla domanda di un sito colombiano: cosa pensi di Mourinho? «Semplicemente che è il numero uno al mondo». Risposta che potrebbero dare in tanti, ma i giocatori sanno quando darle e in che modo darle.
Molto più sciolta la replica su Mazzarri: «Col nuovo tecnico, è iniziato un nuovo progetto ancora in corso. Sono certo che, con pazienza e con lavoro, col passare del tempo otterremo dei risultati». Non è detto che in quel momento Guarin sia ancora ad Appiano. Le possibilità di cederlo in Inghilterra sono legate alla differenza di vedute fra le due società circa il costo: il Chelsea non vuol spendere più di 15 milioni di euro, l’Inter ne chiede 18. Ma sarà costretta ad accettare, se davvero vorrà vendere. Thohir ha chiesto di incassare prima di spendere, però non può perdere troppo tempo. Piace l’argentino Lamela, che nel gruppo gaucho nerazzurro ci starebbe bene, ma costa troppo.
Per questa Inter il mercato sarà sempre più un problema di tipo economico. Ed anche per il Milan, che sta spingendo per assicurarsi Nainggollan e non può trattenere tutti i cattivi pensieri su Balotelli. I tifosi cominciano ad essere stufi: tifosi di ogni specie. Magari anche i tifosi padroni. Il Milan ha smentito ogni illazione, ma poi crepitano dichiarazioni vere o presunte.

Al comunicato della società si sono aggiunte le parole di Adriano Galliani: «La mia campana è che Mario Balotelli non si muove». E pure Mino Raiola, il manager di SuperMario, intervistato e mal interpretato, ha chiesto smentite: «Concordo su quanto riportato dal sito ufficiale della società riguardo l’incedibilità di Balotelli a gennaio». A gennaio, appunto. Poi ci sarà tempo per trovare acquirenti. Sempre che ce ne siano ancora.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti