L'Egitto si scaglia contro Sergio Ramos: petizioni e azioni legali per il fallo su Salah

Un'intera nazione si è scagliato contro Sergio Ramos per il fallo commesso su Salah che potrebbe costargli il Mondiale. Petizioni, azioni legali e richiesta di un miliardo di euro a titolo di risarcimento danno

Sergio Ramos ha fatto indignare una Nazione intera. L'Egitto, infatti, si è scagliato contro il difensore del Real Madrid reo di aver causato l'infortunio alla spalla al loro giocatore più forte: Mohamed Salah. L'ex Roma e Chelsea è stato costretto ad uscire nel corso del primo tempo della finale di Champions League per via di un forte dolore alla spalla a seguito di uno scontro di gioco tra l'egiziano e il roccioso difensore spagnolo. Salah rischia di saltare il Mondiale anche se ha già cominciato le cure riabilitative con la Federazione egiaziana (EFA) che ha deciso di fargli seguire un programma specifico proprio in Spagna. Le sue condizioni saranno valutate giorno dopo giorno ma la sensazione è che il 25enne farà di tutto per esserci in Russia.

In Egitto, intanto, tutti stanno puntando il dito contro Sergio Ramos con anche l'ex attaccante di Roma e Ajax Mido che ha sentenziato sui social: "Chiunque capisca di calcio sa che Sergio Ramos ha fatto male intenzionalmente a Salah. Ha preferito tenergli il braccio anziché lasciarlo cadere in modo naturale". Alcuni tifosi hanno addirittura aperto due petizioni su Charge.org per far punire Sergio Ramos da Uefa e Fifa, per escluderlo dal Mondiale nel caso in cui Salah non riesca a recuperare. Inoltre è anche partita un'azione legale da parte dell'avvocato Bassem Wahba che ha "denunciato" il difensore del Real Madrid alla Fifa per aver inflitto danni fisici e psicologici all'Egitto e allo stesso Salah. Il legale in questione ,al canale televisivo Sada El-Balad, ha anche affermato la sua volontà di chiedere un miliardo di euro a titolo di risarcimento e se dovesse vincere, cosa assai improbabile, devolverà la somma di denaro all'associazione benefica Long Live Egypt Fund.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.