"Maradona picchiò la testa ma nessuno lo portò in ospedale". La testimonianza choc

Dure accuse da parte del legale di Gisela Madrid, infermiera che seguiva Maradona nel suo decorso post operatorio nella casa di Tigre: "Diego cadde a terra una settimana prima del decesso ma nessuno gli ha fatto una Tac"

Si tinge ancora più di giallo la morte di Diego Armando Maradona. Gli inquirenti stanno lavorando incessantemente per far luce su quanto accaduto la mattina del 25 novembre ma anche su quanto è accaduto nelle tre settimane precedenti al decesso del Pibe de Oro. Sono tante le cose a non quadrare in questa vicenda dato che secondo fonti provenienti dall'Argentina l'infermiera presente il mattino della morte dell'ex attaccante di Napoli e Barcellona, Dahiana Gisela Madrid, avrebbe fornito agli inquirenti una dichiarazione discordante rispetto a quanto dichiarato nella relazione ai propri superiori su quanto accaduto quella mattina nella villa di Tigre. Inoltre, Maradona avrebbe infatti subito un forte colpo alla testa in seguito a una caduta accidentale una settimana prima della sua morte anche se questo è ancora tutto da dimostrare.

Una brutta caduta

Rodolfo Baqué, avvocato dell'infermiera Dahiana Madrid, ha infatti fornito una rivelazione choc: "Maradona è caduto una settimana prima del decesso e ha preso una forte botta alla testa, peccato che non abbiano pensato di fargli una risonanza magnetica o una tomografia. Niente di niente", questo il pensiero del legale che ha poi continuato: "Hanno solo pensato a curare la dipendenza dall’alcol, dimenticandosi di avere a che fare con un paziente cardiopatico che invece avrebbe avuto bisogno di assistenza da parte di personale medico specializzato".

"Era rintanato da tre giorni a casa, senza nemmeno vedere la tv, aveva 109 pulsazioni al minuti quando tutti sappiamo che un paziente nelle sue condizioni non può superare le 80. Nessuno ha preso nota degli avvertimenti che stava dando il cuore di Maradona. Sarebbe potuto andare nella clinica più lussuosa al mondo e invece si trovara lì, in un luogo non adatto alle sue esigenze. Se non fosse rimasto lì probabilmente non sarebbe morto", questa la pesante accusa di Baqué.

Il legale di Gisela ha inoltre svelato un altro particolare non di poco conto sulla sua assistita. Pare infatti che la donna abbia visto il Pibe una sola volta, il venerdì antecedente la morte. L'ex fenomeno del calcio mondiale l'avrebbe subito licenziata ma lei sarebbe rimasta in servizio per volere dei familiari dell'ex attaccante del Napoli. La Madrid sarebbe rimasta dunque al servizio di Maradona ma senza mai visitarlo con il suo avvocato che ha spiegato: "Non gli ha neanche mai potuto prendere la pressione. Le uniche cose che faceva era passare gli psicofarmaci all’assistente di Maradona: lei rimaneva sulla porta della stanza del campione a controllare".

Morto per crisi di astinenza?

Al momento delle dimissioni dalla clinica Olivos, dopo l'operazione subita al cervello, Diego Armando Maradona presentava chiari segni di astinenza da sostanze, queste le parole della psichiatra Agustina Cosachov, che poi ha seguito Diego nella sua abitazione di Tigre. La specialista avrebbe consigliato anche la presenza continua di un'ambulanza, invano.

L'accusa al medico personale

Secondo quanto riportato dal quotidiano La Nacion gli inquirenti hanno iscritto nel registro degli indagati il medico personale di Maradona, Leopoldo Luque con l'accusa di omicidio colpo per "Presunte irregolarità durante il ricovero domiciliare". Alcuni familiari di Maradona, inoltre, hanno rincarato la dose svelando alcuni particolari inquietanti e molto gravi, se confermati. Nei giorni precedenti alla tragedia, infatti, pare che Diego e Leopoldo Luque abbiano avuto una discussione molto accesa culminata con un tentativo, da parte del Pibe nei confronti del medico, di sferrare un pugno. Qualcuno ha anche fatto notare che un medico che chiama l'ambulanza per un suo assistito non faccia il nome e il cognome del paziente in fin di vita, cosa che pare essere avvenuta.

Luque ha inoltre organizzato una sorta di conferenza stampa improvvisata per spiegare come lui non c'entri nulla con la morte del suo amico Maradona: "Volete sapere di cosa sono responsabile? Di averlo amato, di essermi preso cura di lui, di avergli allungato la vita, di averla migliorata fino in fondo. Ho fatto davvero l'impossibile, per me non era un paziente ma come un padre. Sono un neurochirurgo. Sono la persona che si è presa cura di lui. Sono orgoglioso di tutto quello che ho fatto. Non ho nulla da nascondere. Sono a disposizione della giustizia".

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cir

Lun, 30/11/2020 - 16:21

ma non aveva un medico personale che da 30 anni gli stava appiccicato ?

Ritratto di ohm

ohm

Lun, 30/11/2020 - 16:40

Chissà quante altre micro-invenzioni ci saranno d'ora in avanti sulla persona e su come si sono veramente svolti i fatti prima della morte.....di certo non si può dire che questo calciatore brillava di educazione e di carisma visto che, come si dice, abusava di alcool e stupefacenti....tutto questo fa calare un sipario sulle doti della persona!

oracolodidelfo

Lun, 30/11/2020 - 17:45

cos'è l'omicidio "colpo" ? Primo vocabolo, terza riga sotto il titoletto "l'accusa al medico personale"....