«Mario tirato sempre in mezzo. Alessandro maturo e generoso»

BolognaItalia-San Marino è un'amichevole contro il razzismo, per questo in tribuna al Dall'Ara ci sarà anche il ministro per l'Integrazione Kyenge. La vigilia è però stata monopolizzata dal nuovo caso Balotelli che ha risposto duro via twitter alla notizia di un pentito che lo accusava di aver spacciato droga per scherzo. «Ha risposto lui con quel tweet - lo difende Prandelli -, sono cose serie. Lo tirano sempre in mezzo in certe situazioni e replica sempre in maniera sincera. Dice basta perché è un ragazzo di 22 anni, ogni settimana al centro di casi mediatici». Ieri mattina Super Mario si è comunque allenato e nel pomeriggio ha pure palleggiato. Possibile che recuperi per la Repubblica Ceca, ma stasera non è impiegabile al pari di El Shaarawy, Montolivo e Barzagli. «L'amichevole dopo 4 giorni di lavoro serve a provare i nuovi - spiega il ct azzurro -, se con loro manteniamo equilibrio e il giusto atteggiamento posso convocarli per la Confederations».
A Bologna giocheranno Gilardino e Diamanti. «È un'idea. Diamanti ha l'età giusta per giocate importanti, a livello tecnico è maturo da mo' per una grande: è generoso e si fa apprezzare da tutti anche per la quantità» prosegue il ct. Fra gli osservati speciale c'è Aquilani, titolare 5 anni fa nel quarto di finale europeo con la Spagna ma escluso dalle successive grandi manifestazioni. «Le relazioni su di lui sono molto buone, i suoi problemi sono continuità e incidenza degli infortuni». E a chi gli fa notare che a fine stagione, a un anno dal Brasile, l'interesse per la nazionale si abbassa, ribatte: «Firenze però sorprende sempre, abbiamo rivisto tantissimi giovani... L'azzurro dà tanto, bisogna essere altrettanto generosi». E a proposito: «I tre del Cagliari mostrano una voglia incredibile, al punto da accusare affaticamento muscolare per l'intensità messa». Quindi il commosso pensiero per Andrea, il tifoso del Brescia morto nell'incidente in pullman al ritorno da Livorno.

Commenti