Mentana si sfoga sull'Inter: "Abbandonati a loro stessi"

Il direttore di Tg La7 non ha preso bene la sconfitta dell'Inter col Genoa. Enrico Mentana si sfoga e mette nel mirino la dirigenza nerazzurra

Il direttore di Tg La7 non ha preso bene la sconfitta dell'Inter col Genoa. Enrico Mentana si sfoga e lo fa ai microfoni di Sky e mette nel mirino tutta la dirigenza. Ecco dunque le parole del direttore del Tg La7 che non usa giri di parole: "il presidente dell’Inter vive a 11.000 chilometri di distanza, il proprietario a 8.000 chilometri. Il figlio 20enne gira con una macchina che costa quanto la difesa del Benevento, squadra e allenatore sono abbandonati a loro stessi".

Di fatto il crollo dell'Inter a Genova ha ufficialmente aperto la crisi in casa nerazzurra. Le critiche di Mentana di fatto sottolinea il malessere dei tifosi nerazzurri che hanno visto la squadra precipitare dalla vetta a un quarto posto che ora è sempre più a rischio. I nerazzurri dovranno ritrovare il loro cammino per mettere le mani su un piazzamento Champions che è l'obiettivo minimo stagionale. Dietro la lotta si accende e la vittoria del Milan con la Samp riapre i giochi anche per i rossoneri che hanno messo l'Europa nel mirino e adesso si preparano al derby che ha il sapore della Champions.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

afafdert

Lun, 19/02/2018 - 10:20

Mentana si sfoghi con i suoi amici del NWO (Nuovo Ordine Mondiale), che hanno ridotto l'Inter ma anche il Milan (squadre di una città finanziaria non capitale) in queste condizioni per poi far qualificare alla champions le squadre della capitale (roma e lazio). Ma i suoi amici del NWO non erano contro le nazioni e i nazionalismi? Bene, lo dimostrino, si occupino del loro impero e non di quelli degli altri, e riportino l'Inter e il Milan dove devono stare, ossia nell'olimpo del calcio europeo, invece di continuare a favorire le squadre delle città capitali delle grandi nazioni europee che sono il principale ostacolo al NWO.