Milan, Boban spegne i sogni rossoneri: ''Modric non sarà un nostro giocatore''

Il dirigente rossonero allonta l'arrivo della stella croata: ''Giusto chiarire le cose per rispetto dei nostri tifosi"

''Luka Modric non verrà al Milan'' arriva la secca smentita di Zvonimir Boban dopo le indiscrezioni arrivate nella giornata di ieri dalla Spagna.

Dopo la mancata convocazione per l'amichevole contro il Salisburgo e il gradimento più volte espresso sui social dalla stella croata, ci pensa Boban a spegnere ogni possibile entusiasmo dei tifosi rossoneri in un'intervista alla Gazzetta dello Sport: ''Maldini lo aveva già dichiarato venti giorni fa ma visto che si continua a parlarne e a scriverne, vorrei ripetere che il miglior giocatore del mondo l’anno scorso non sarà un nostro giocatore".

Il dirigente milanista ha poi aggiunto: "A quanto vedo sarà ancora al Real Madrid. Ovvio che sarebbe fantastico averlo, ma questa è l’unica verità. È una persona e un giocatore di livello assoluto. Lo ringraziamo per gli auguri che ci ha fatto per la prossima stagione e ci fa piacere che simpatizzi per il nostro club da quando era piccolo, ma è giusto chiarire le cose, anche per rispetto dei nostri tifosi".

Una suggestione, un sogno di mercato destinato a rimanere tale almeno per questa stagione. Nelle ultime ore sembra infatti che Zinedine Zidane abbia comunicato a Modric di ritenerlo ancora al centro del progetto, scelta che ha stoppato le velleità rossonere e convinto il centrocampista a restare a Madrid, ambiente al quale è legatissimo nonostante a chi lo conosce bene abbia confessato: "Se lasciassi il Real, andrei solo al Milan".

Segui già la nuova pagina Sport de IlGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di guga

guga

Ven, 09/08/2019 - 10:25

E' la Stampa crea casini, e' la stampa che Dovrebbe dipanarli, ma per qualche pagina in piu' si manda al diavolo l'etica professionale. Saluti