Moggi punge Ronaldo: "Lo scudetto del 5 maggio? Il tempo è galantuomo"

Luciano Moggi ha risposto a Ronaldo che qualche giorno fa aveva parlato di metodi oscuri utilizzati dalla Juventus per vincere: "Lui stesso ha ammesso che la squadra era stanca e messa male in campo quel giorno"

Moggi punge Ronaldo: "Lo scudetto del 5 maggio? Il tempo è galantuomo"

Ronaldo il Fenomeno al Festival dello sport di Trento, ha ammesso come il 5 maggio sia stata la delusione più grande della sua carriera ma ha poi riservato una stoccata alla Juventus: "Lo scudetto perso con l'Inter nel 2002 è stata una delle più grandi delusioni della mia vita, non ricordo di aver mai pianto così con altre squadre. C’era grande attesa dei tifosi, dopo anni che vinceva la Juve, nella maniera in cui vinceva la Juve in quel periodo".

Luciano Moggi, ex direttore generale della Juventus proprio in quegli anni ai microfoni di Radio Bianconera ha risposto alle domande di tnati tifosi bianconeri soffermandosi sullo quello scudetto vinto dalla Juventus per demeriti dell'Inter: "Di quel giorno hanno detto di tutto e di più, dando poi la colpa a me. L’ha detto più volte Ronaldo, che per motivi oscuri hanno perso quel campionato", la dichiarazione sibillina di Moggi.

Moggi ha poi continuato pungendo Ronaldo, Tronchetti Provera e Massimo Moratti: "Casualmente al Festival di Trento, dove evidentemente era portato a dire la verità, lui stesso su quella giornata ha detto che la squadra era stanca e messa male in campo. E devo aggiungere che erano tutti a Roma, da Tronchetti a Moratti, sicuri di vincere. Tant’è che avevano predisposto la festa al Duomo, poi da primi arrivarono terzi. Però ho apprezzato il gesto di Ronaldo che finalmente ha detto la verità. È stata l’Inter a perdere. Il tempo è galantuomo".

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti