Napoli, Ancelotti a De Laurentiis: "Sicuro di volermi esonerare?"

Nell'incontro avvenuto martedì sera, al termine di Napoli-Genk, Ancelotti ha provato a far desistere De Laurentiis che aveva però già deciso di esonerarlo per fa posto a Gattuso

Aurelio De Laurentiis ha preso la sua decisione martedì sera al termine di Napoli-Genk: l'esonero di Carlo Ancelotti. L'ormai ex tecnico azzurro al termine del match ai microfoni di Sky Sport aveva dichiarato di non essere intenzionato minimamente a rassegnare le dimissioni e che il mattino seguente avrebbe parlato con il presidente per fare il punto della situazione. Il numero uno del club azzurro, però, ha preso la palla al balzo incontrando subito l'ex di Psg, Milan, Juventus, Parma, Real Madrid, Chelsea e Bayern Monaco decidendo così di sollevarlo dall'incarico.

Il patron del Napoli ha deciso di cambiare e di puntare tutto sul giovane e ruspante Gennaro Ivan Gattuso, pupillo di Ancelotti da calciatore e autore di un mezzo miracolo nella passata stagione con il Milan con cui andò vicinissimo alla conquista della qualificazione in Champions League. Il futuro ora è nelle mani di Ringhio con Carletto che rappresenta già il passato per gli azzurri e che sogna di tornare ad allenare in Premier League con l'Arsenal che gli affiderebbe volentieri le chiavi della panchina dopo l'esonero dello spagnolo Unai Emery.

L'idillio tra De Laurentiis e Ancelotti, che sembrava indissolubile, è invece terminato dopo soli 18 mesi difficili nei quali l'ex allenatore del Milan e tre volte vincitore della Champions League, due con i rossoneri e una con il Real Madrid, ha faticato ad integrarsi e farsi accettare pienamente dall'ambiente e dai calciatori. Il tecnico di Reggiolo, però, si è comportato in maniera esemplare, come sempre nella sua lunga carriera, ed ha lasciato da signore anche se pare non abbia gradito le illazioni sul figlio, match analyst e sul genero che era il nutrionista della squadra.

Ancelotti, forse, in cuor suo si sarebbe augurato di terminare la stagione per poi dire addio e cercare una nuova squadra pronta a dargli fiducia ma così non è stato. Secondo quanto riporta l'edizione cartacea del Mattino, nell'incontro avvenuto domenica sera Ancelotti avrebbe provato a far desistere De Laurentiis dall'esonerarlo. Pare infatti che l'ex tecnico abbia chiesto più volte al numero uno del club se fosse sicuro della sua scelta ma ormai il dado era tratto dato che il presidente aveva già un accordo di massima con Gattuso contattato già da una settimana. Il comunicato stampa postato poco dopo le ore 23:30 di martedì 10 dicembre ha poi definitivamente messo alla porta Carletto che ora vorrà subito rimettersi in pista per dimostrare che gli azzurri si sono sbagliati.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Libero 38

Ven, 13/12/2019 - 14:55

La solo colpa di Angelotti e' stata quella di accettare di allenare una squadra di pesciveldoli.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Ven, 13/12/2019 - 16:30

Penso che Ancelotti non sia mai stato un grande allenatore anche se nella sua carriera ha vinto tantissimo. Penso sia una persona molto ma molto fortunata.