Psg-Allegri, effetto foto. Stavolta i tifosi sperano che non scelga col cuore

Dopo il "no" al Real, altro corteggiamento top. Juventus tranquilla, ma i contatti ci sono stati

Psg-Allegri, effetto foto. Stavolta i tifosi sperano che non scelga col cuore

Al giorno d'oggi basta una Instagram Stories per accendere fantasie e suggestioni di mercato. E perché no scoperchiare pure possibili trame che dovevano restare sotto traccia. Lontane da occhi indiscreti. È il caso della foto postata da account vicini al mondo del Paris Saint Germain, in cui sono stati ritratti nella lussuosa cornice di Montecarlo l'allenatore della Juventus Max Allegri e il nuovo dirigente di riferimento dei parigini Luis Campos. Galeotto l'incontro tra i due nel Principato, meta spesso e volentieri frequentata dal tecnico livornese, che ha scatenato una ridda di voci.

Meglio dunque mettere ordine. I transalpini sono da giorni alla ricerca di un nuovo allenatore, dato che Pochettino verrà esonerato: il sogno di Al Khelaifi si chiama Zizou Zidane, che però ha preso tempo nonostante l'offerta di un biennale da 25 milioni a stagione. A Campos è sempre piaciuto Christophe Galtier col quale ha costruito il miracolo Lille, vincendo nel 2021 la Ligue1 da outsider. I presupposti per le nozze ci sarebbero tutti, però sul taccuino del dirigente del Paris c'è pure il nome di Allegri: et voilà, il summit di mercato in salsa monegasca è servito. Con Max che per la seconda estate di fila si trova si trova al centro del mercato internazionale. L'anno scorso era stato il Real Madrid a corteggiarlo, adesso il PSG. Tra l'altro - fatalità del destino - Campos e Allegri erano stati scelti 12 mesi fa da Florentino Perez per riportare i Blancos in cima all'Europa. Alla fine entrambi, seppur per motivi differenti, declinarono la chiamata proveniente dalla Casa Blanca e firmarono rispettivamente per Celta Vigo e Juventus. A un anno di distanza le loro strade potrebbero rincrociarsi.

Condizionale d'obbligo, perché la sensazione è che Allegri voglia restare al timone dei bianconeri e sfrutterà le lusinghe parigine per aumentare il peso specifico all'interno delle dinamiche di mercato della Vecchia Signora. E allora avanti insieme forti di un contratto fino al 2025 da 9 milioni annui. Con l'imperativo di tornare a vincere subito. D'altronde dalle parti della Continassa il mantra è sempre lo stesso Vincere è l'unica cosa che conta. Lo sanno bene anche i tifosi che sui social si sono spaccati tra chi esulta per la permanenza di Allegri e chi invece sperava nell'addio dell'allenatore livornese e già sognava Zidane per la panchina juventina.

Una suggestione destinata a rimanere tale. Max resterà, infatti, sulla torre di controllo bianconera, ma si aspetta colpi importanti. In tal senso Cherubini è già al lavoro. Il primo cadeau parlerà francese e sarà un grande ritorno: Paul Pogba. Contratto fino al 2026 con stipendio da 10 milioni annui (8 netti più 2 di bonus). Il Polpo però non basta per colmare il gap con le milanesi servono un attaccante, un metronomo in mezzo al campo, un terzino sinistro più gli eredi di Chiellini e Dybala per completare il salto di qualità e lottare per vincere lo scudetto. Una rivoluzione (francese) in piena regola.

Commenti