Il Real Madrid stanga i giocatori. Ecco il tabellario delle sanzioni

Il Real Madrid ha un codice di comportamento molto severo: un ritardo agli allenamenti può costare dai 250 ai 1000 euro. L'assenza ingiustificata vale 3000 euro di multa

Il Real Madrid è uno dei club più prestigiosi al mondo e uno dei più vincenti con ben 13 Champions League messe in bacheca nel corso della sua storia. I blancos, con Zinedine Zidane in panchina tra il 2016 e il 2018, hanno vinto tre edizioni di fila della Champions mentre nella passata stagione è stato il Liverpool a conquistare l'ambita coppa ponendo fine all'egemonia europea del club spagnolo.

Zidane è tornato in panchina sul finire della passata stagione ma non si sarebbe mai aspettato di vivere una situazione così difficile. Il Real è sì primo in campionato ma sta soffrendo terribilmente in Champions con una sconfitta, pesante contro i Psg, e un pareggio interno contro il Brugge che grida ancora vendetta e che ha fatto indignare e non poco il Presidente Florentino Perez ma anche i tifosi delle merengues.

Il Real, come detto, è uno dei più importanti al mondo, e in quanto tale ci sono delle regole di ferro a cui i giocatori si devono attenere in maniera rigida. La televisione spagnola Cuatro ha snocciolato il codice di comportamento interno del club spagnolo con punizioni e sanzioni di vario genere. Un ritardo agli allenamenti, infatti, anche se per pochi minuti ha un "costo" che varia tra i 250 e i 1000 euro (250 euro per i primi 5 minuti, 500 per un quarto d’ora a salire fino a un massimo di 1000). L'assenza ingiustificata vale una sanzione di 3.000 euro.

Restrizioni anche per quanto riguarda l'utilizzo del telefono che è proibito sul lettino del fisioterapista, durante le riunioni comuni e nello spogliatoio: pena pecunaria che va anche qui dalle 250, 500 e 1000 euro a seconda dell'infrazione. Anche il controllo del peso e la dieta sono punti fondamentali per il Real: in caso di giocatore sovrappeso la multa è di 250 euro: questa cifra può addirittura lievitare in caso di ricaduta e soprattutto dopo le vacanze estive.

Anche per viaggi, interviste e pubblicità il tutto va concordato con il club e anche nel loro giorno libero i giocatori devono avvisare l'allenatore nel caso volessero lasciare Madrid. Importante anche l'abbigliamento per le apparizioni pubblicitarie: nel caso non venga rispettato sono previste multe salate. Ultime, ma non meno importanti, altre piccole regole come il divieto di ricevere visite nelle camere d'albergo durante il ritiro, l'obbligo di presentarsi nello spogliatoio prima delle partite casalinghe anche quando non si è convocati, e infine sempre per i calciatori non convocati c'è l'obbligo di restare sulle tribune del Bernabeu almeno fino al minuto 80' della partita.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cir

Ven, 04/10/2019 - 20:22

Zinedine Zidane , l' unico vero manager del momdo del calcio , l' unico che ha saputo usare la testa..