Tokyo 2020

"Facciamo i 100m uomo contro aereo?". E Jacobs...

Il campione olimpico rientra da Tokyo con un volo Alitalia. Il comandante gli propone una sfida incredibile

"Facciamo i 100m uomo contro aereo?". E Jacobs...

Correre i 100 metri sulla pista dell'aeroporto sfidando un aereo di linea: potrebbe essere questa la nuova sfida di Marcell Jacobs. Prima del volo di ritorno verso l'Italia, il campione olimpico è stato protagonista di un simpatico siparietto con il il comandante dell'Alitalia Dario Landi che gli ha proposto: "Facciamo una sfida sui 100 metri in aeroporto, uomo contro aereo?".

Cala il sipario su Tokyo 2020, una spedizione da record per lo sport italiano con ben 40 medaglie, un bottino mai conquistato fino ad ora nella storia dei Giochi Olimpici. Indimenticabili i trionfi nell'atletica leggera, di cui Marcell Jacobs è stato l'uomo simbolo. Il velocista di Desenzano sul Garda è stato il primo italiano a vincere i cento metri, poi ha bissato l'oro nella staffetta 4x100, compiendo un'impresa riuscita soltano a leggende come Usain Bolt, Carl Lewis e Jesse Owens.

L'azzurro è rientrato stamani da Tokyo con un volo dell'Alitalia. Sull'aereo c'era anche il presidente del Coni Giovanni Malagò e prima del decollo è salito a bordo anche l'ambasciatore italiano Giorgio Starace per salutare e ringraziare gli atleti. Il campione olimpico è stato accolto allo scalo di Haneda da una folla di fotografi, cameramen e di passeggeri e addetti allo scalo, che dalle terrazze dell'area shop hanno cominciato a riprenderlo, mentre in molti si sono messi in fila per autografi e selfie. Poi Jacobs ha estratto le due medaglie d'oro dalla valigia, se le è messe al collo e si è messo in posa per le foto, tra gli applausi di tutto l'aeroporto.

Prima del decollo l'azzurro è stato salutato dal comandante dell'aeromobile Dario Landi che scherzando gli ha proposto una sfida curiosa: "Potremmo organizzare una sfida sui 100 metri in aeroporto, uomo contro aereo". "Sarebbe interessante", è stata la risposta di Jacobs, che scoppia a ridere. "Mi sa che vinci tu", chiosa il pilota. "Non lo so eh...", "io muovo 230 tonnellate", ricorda Landi. Dunque i complimenti, i ringraziamenti e la stretta di mano. In effetti considerando che un aereo di lungo raggio impiega dai 7,5 agli 11 secondi - a seconda del peso del carico dell'aereo - per fare 100 metri, la sfida potrebbe anche far tremare i 9.80 secondi con cui Jacobs ha vinto l'oro a Tokyo. A questo punto l'appuntamento non può che essere in pista per la sfida tra uomo e aereo.

com/ilgsport/" title="il giornale fb" data-ga4-click-event-target="external" target="_blank" rel="noopener">Segui già la nuova pagina Sport de ilGiornale.it?

Commenti