È una Signora in vendita. Pirlo si vuole disfare di un'intera... Juventus

Da Perin a Ramsey fino a Higuain: il nuovo tecnico bianconero vuole rifondare la rosa. E reinvestire in rinforzi

AAA cercasi acquirenti. C'è una Juve...in vendita! Una vera e propria formazione di calciatori bianconeri che potrebbero fare i bagagli da qui alla chiusura del mercato (5 ottobre). Cessioni necessarie per sfoltire l'organico ma pure per finanziare i rinforzi richiesti da Andrea Pirlo.

A partire da Edin Dzeko in attacco: il bosniaco ha già l'accordo per un biennale e attende che la Roma chiuda lo scambio Under-Milik col Napoli per il via libera al suo passaggio a Torino. Chi invece ha già preparato le valigie e traslocherà nelle prossime ore è il portiere Mattia Perin, che tornerà di nuovo al Genoa. Quattro i difensori juventini il cui futuro è in bilico: si giocano la permanenza i terzini De Sciglio (ha mercato all'estero) e Pellegrini (piace alla Fiorentina), mentre Romero è vicino all'Atalanta in prestito con diritto di riscatto. Da non escludere anche la partenza di Rugani, che ha detto no al Rennes.
Anche a centrocampo l'organico bianconero è in overbooking: al passo d'addio Khedira che tratta la risoluzione (con buonuscita visto che guadagna 6 milioni), mentre Paratici aspetta offerte per Douglas Costa, finora sondato timidamente dal Manchester United. I troppi infortuni e uno stipendio elevato (6 milioni annui) spingono il brasiliano lontano dalla Continassa. Da valutare pure il futuro di Bernardeschi, la cui duttilità tattica potrebbe fornire al numero 33 un'ultima chance. Occhio però al cambio di procuratore (è entrato nella scuderia di Mino Raiola) che può aprire a scenari sorprendenti dopo i no del fantasista a Napoli e Roma. Berna, infatti, vuole restare a Torino. Desiderio che lo accomuna a Ramsey: il gallese ha declinato le avance del Newcastle che offriva 15 milioni alla Juve. Una ricca plusvalenza andata in fumo, anche se non si escludono nuove proposte dal mercato inglese (piace a Everton, West Ham e Crystal Palace).

A completare l'undici juventino col cartello vendesi appiccato sulla schiena lo sfortunato Pjaca (tormentato dagli infortuni nell'ultimo biennio), che dovrebbe accasarsi altrove in prestito, e Higuain. Il Pipita è uno degli epurati di Pirlo, ma lo stipendio monstre (7,5 milioni netti più bonus) lo rendono poco appetibile. Il River Plate sogna il suo ritorno, ma serve un robusto incentivo all'esodo da parte di Agnelli. Sullo sfondo anche l'ipotesi MLS con InterMiami e LA Galaxy interessati. Undici potenziali esuberi che comporrebbero però una squadra di tutto rispetto, in grado di lottare per un piazzamento europeo in Serie A.

Occasioni in saldo che qualche direttore sportivo potrebbe cogliere nei prossimi giorni. Ieri, infatti, si è aperta ufficialmente la sessione estiva di calciomercato. Sugli scudi il Milan che ha completo gli acquisti di Tonali (Brescia) e Brahim Diaz (Real Madrid). Quest'ultimo arriverà in rossonero in prestito secco.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

maxmado

Mer, 02/09/2020 - 11:54

Mah, che dire? La Juve lotterà per il 10 scudetto di fila, ma per la Champions non ci siamo proprio. Del resto negli ultimi anni, lasciando stare l'acquisto di Ronaldo, non ha fatto altro che dare via giovani promettenti (che dire di Coman per esempio) per prendere dei vecchietti spompati, ed in europa se non corri ... esci

amedeov

Mer, 02/09/2020 - 12:48

O forse perchè l'europa non si fà suggestionare dal nome

Ritratto di giovinap

giovinap

Mer, 02/09/2020 - 14:21

secondo me la juve si sta "ferrarizzando", non ha ingaggiato un allenatore decente e sta vendendo il meglio dei calciatori che ha!