Il siluro di Mancini a Speranza: "Ogni tanto è bene pensare quando si parla"

Roberto Mancini ha commentato le parole del ministro della Salute Speranza che aveva affermato come il calcio non fosse prioritario in questo momento delicato per il paese

L'Italia di Roberto Mancini sosterrà un'amichevole domani sera contro la Moldavia prima degli appuntamenti di Nations League contro la Polonia, a domicilio domenica 11 ottobre, e in casa contro l'Olanda mercoledì 14 ottobre. Il commissario tecnico, come al solito diretto e senza peli sulla lingua, ha commentato le parole del ministro della Salute Roberto Speranza che aveva detto come il calcio non fosse una priorità in un momento di emergenza come questo per via della pandemia da coronavirus che ha colpito il mondo intero: "Bisogna pensare quando si parla, ogni tanto. Per tutti gli italiani lo sport è un diritto, come la scuola. Non è una cosa data così, abbiamo diritto a tutto questo. È una priorità importante, lo sport in Italia è praticato da milioni di italiani, a tutti i livelli".

L'orgoglio del ct

Mancini si è poi detto felice ed orgoglioso per il grande seguito della nazionale: "Ci fa molto piacere che la Nazionale attiri molti tifosi e che la gente, anche se è a casa in questo momento, veda la partita dalla televisione. questo vuol dire che i ragazzi fanno divertire, è quello che colpisce". L'ex allenatore di Inter, Manchester City e Fiorentina ha poi preferito glissare per quanto concerne il tema "protocollo" da seguire in caso di positività da coronavirus:"Ho le mie idee. In tutta Europa ci sono giocatori in tribuna ed è giusto così. Per il resto non ne parlo", la chiusura netta del ct.

Il commissario tecnico ha poi commentato i giocatori della Juventus al momenti fermati nella cosiddetta bolla della Continassa: "Non ci sono grandi problemi, i calciatori bianconeri arriveranno probabilmente mercoledì". Mancini ha anche trovato un momento per soffermarsi sul neo calciatore della Juventus Federico Chiesa che ha "deluso" i tifosi della Fiorentina per il suo passaggio in bianconero: "Federico resta un giocatore importante, per il presente e per il futuro. È sereno. Ha enormi margini di miglioramento, è cresciuto molto nella Fiorentina e potrà crescere ancora nella Juventus".

Chiusura su Ciccio Caputo che è stata una delle rivelazioni della passata stagione e una conferma in questa fase iniziale con tre reti realizzate: "Può star qui perché porta la birra...A parte gli scherzi se è qua è perché ha delle chance di giocare. Fa gol da diverso tempo, ha buon feeling, è un bravo ragazzo e merita di esserci".

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di giovinap

giovinap

Mer, 07/10/2020 - 11:22

già sapevo che mancini fosse di "pensiero debole"(come tutti i calciatori)infatti non capiscono nulla della vita reale; chiedere a uno di loro quanto costa un chilo di pane, come si fa ad avere una utenza domestica qualunque, vi risponderà "è un modulo di gioco che non conosco" detto questo, ieri ha auto il coraggio di dire che la scuola è importante come il calcio(come se il calcio fosse uno sport)se anche il calcio fosse uno sport comunque sarebbe "classificato" molto più in dietro della scuola. caro mancini, prima della formazione dei bambini di una nazione non c'è nulla, altrimenti si cresce... calciatori"!

Ritratto di guga

guga

Sab, 10/10/2020 - 10:25

Pane e calcio , poi il nulla...