Tokyo 2020, i letti saranno ecologici: "No sesso a tre, rischiano di rompersi"

Mancano poco più di sei mesi alle Olimpiadi di Tokyo 2020 che saranno all'insegna dell'ecologia con i letti che saranno di cartone: "Se si fa sesso meglio salire in due per volta"

Le Olimpiadi di Tokyo sono ancora lontane dato che mancano 189 giorni all'inizio di una della manifestazioni più seguite in tutto il mondo. Si partirà venerdì 24 luglio e si chiuderà domenica 9 agosto in una Olimpiade all'insegna dell'ecologia. Secondo quanto riporta Libero, infatti, il villaggio olimpico nel quale alloggeranno gli atleti sarà completamente ecologico con letti molto particolari.

I materassi, infatti, saranno in polietilene riutilizzabili e saranno appoggiati su basi di cartone che dovrebbero comunque tenere circa 200 chilogrammi di peso secondo i costruttori che hanno poi aggiunto in maniera sibillina: "Quando si fa sesso è meglio che si sia solamente in due per volta, altrimenti rischiano di rompersi".

Il cestista australiano Andrew Bogut ha voluto dire la sua in merito su Twitter: "Bell' idea i letti ecologici, finché non si mette il profilattico". La Hope Solo ex portiere della nazionale di calcio degli Usa qualche tempo fa aveva confessato: "Si fa un sacco di sesso durante le Olimpiadi". Anche l'ex campione inglese di ping pong Matthew Syed aveva ammesso candidamente: "Ho fatto sesso di più in quelle due settimane che in tutto il resto della mia vita".

Gli atleti, donne e uomini di tutte le discipline, non hanno mai nascosto che durante la manifestazione nel villaggio olimpico si faccia molto sesso e a Rio 2016 il Comitato Olimpico distribuì circa 41 preservativi per ogni atleta: ovvero circa mezza milione di profilattici.

Il racconto di Ingrid de Oliveira

Ingrid de Oliveira è una è una tuffatrice brasiliana, vincitrice di una medaglia d'argento ai Giochi panamericani di Toronto 2015 nel trampolino 3 metri sincro. La ragazza è molto conosciuta in patria anche perchè ha ottenuto una popolarità un po' imbarazzante durante le Olimpiadi di casa, a Rio de Janeiro nel 2016. Durante la manifestazione, infatti, Ingrid avrebbe messo alla porta, in piena notte, la sua compagna di stanza Giovanna Pedroso. Il motivo? Per potersi concedere una notte hot con il canottiere Pedro Gonçalves.

La brasiliana aveva poi confermato una vasta distruzione di profilattici durante le Olimpiadi: La gente non lo sa, ma alle Olimpiadi tutto questo è normale. Dovevate vedere il numero di preservativi distribuiti nel Villaggio Olimpico. A cosa servivano? A fare dei palloncini? Quello che ho fatto è stato sbagliato e lo so, ma mi sono resa conto che trattamento ricevuto è stato ingiusto. La storia è stata completamente distorta dai media".

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?