Torino: per il dopo Cerci arriva uno juventino?

In casa granata si inizia a pensare al sostituto di Alessio Cerci, in procinto di passare al Milan. Il nome che è in cima alla lista è quello dello juventino Sebastian Giovinco. Per lui il presidente Urbano Cairo pensa ad un ingaggio quinquennale

Sarà Giovinco il dopo Cerci?

Grandi manovre in casa Torino.

Urbano Cairo si è reso conto che il passaggio di Alessio Cerci al Milan si sta per concretizzare, il giocatore non è stato nemmeno convocato per la gara di Europa League, e si sta già muovendo per la sua sostituzione. Il prescelto da Cairo e Ventura è Sebastian Giovinco, fantasista della Juventus, con il contratto in scadenza nel prossimo anno. I soldi incassati con la cessione di Cerci servirebbero appunto per arrivare allo juventino che, cambiando maglia, potrebbe trovare molte più occasioni di impiego, visto che tra i Campioni d'Italia è attualmente la quarta punta.

Lo scoglio maggiore per la conclusione dell'affare sembrerebbe essere quello dell'ingaggio, molto alto per gli standard granata, ed in questo caso il presidente granata è pronto ad offrire un contratto di cinque anni, a cifre sicuramente inferiori a quelle attuali, ma sicuramente da "top player". La trattativa resta dunque difficile, ma non ci sarebbe da meravigliarsi se nella prossima stagione Giovinco indossasse la maglia granata.

Intanto nell'affare Torino - Milan per Alessio Cerci, spunta un nome tra quelli dei giovani che Cairo vorrebbe inserire come conguaglio tecnico oltre che il contante, ed è quello del difensore De Santis, un promettente classe 1997, cresciuto nella scuola calcio barese, ed attualmente tesserato per i rossoneri. De Santis sarebbe inserito in primis nella squadra primavera, ma per lui si aprirebbero anche le porte della squadra maggiore, con Ventura che non disdegna di dare spazio ai giovani nelle sue formazioni.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.