Tour de Ski, Combinata e Salto: in Val di Fiemme le Coppe con traguardo le Olimpiadi 2026

In Trentino grande sci a gennaio con 12 gare in dieci giorni. Cristian Zorzi cerca la rivincita nella rievocazione della storica finale sprint delle Olimpiadi di Salt Lake City 2002

Sci con i campioni in gara, grande sport che segna l’inizio del 2020 in Val di Fiemme, cuore dello sci nordico del Trentino che propone 12 gare di Coppa del Mondo in dieci giorni con il Tour de Ski dal 3 al 5 gennaio, la Combinata Nordica e il Salto Speciale dal 9 al 12 gennaio. Appuntamenti Fis di grande richiamo internazionale che segnano anche un “nuovo inizio” nel cuore delle Dolomiti trentine: il traguardo sono infatti le Olimpiadi Milano Cortina 2026 con 34 gare sulle 109 previste dai Giochi in gran parte concentrate in Val di Fiemme tra Centro sci di Fondo a Tesero, Trampolini a Predazzo e velocità pattinaggio a Baselga di Pinè.

E sono tante le novità previste: al Tour de Ski la durissima e spettacolare Final Climb, la salita con gli sci da fondo da fondovalle lungo la pista Olimpia III all’Alpe Cermis, la partenza dei fondisti sarà in linea con due bonus sprint lungo il percorso e i fondisti gareggeranno a tecnica libera. Per la prima volta, poi, ci sarà anche una gara sprint.

Altra novità è l’evento collaterale “Tesero Lake City”, rievocazione della finale storica sprint delle Olimpiadi di Salt Lake City 2002. In Val di Fiemme di sarà la rivincita con i protagonisti di quello storico arrivo: Cristian Zorzi, a pochi metri dal traguardo era in testa, ma il norvegese Tor Arne Hetland riuscì a recuperare il gap trascinando anche il tedesco Peter Schlickenrieder, e l’azzurro di Moena finì terzo seguito dallo svedese Björn Lind. Hetland in segno di vittoria mise il suo piede sulla schiena di uno stremato “Zorro”.
Così i quattro si sfideranno di nuovo a Tesero per rievocare quel giorno. “Hetland è sempre stato la mia bestia nera, solo lui avrebbe potuto mettermi lo sci sulla schiena. Riporteremo a Lago di Tesero la sfida olimpica e mi allenerò tutto l’inverno per vincere...”, promette “Zorro” che magari spera di essere lui a mettere lo sci sulla schiena.

Emozioni e divertimento anche alla Coppa del Mondo di Combinata Nordica - ovvero salto e fondo - e alla due giorni di Salto Speciale nello spettacolare Stadio del Salto di Predazzo che fa da cornice al Trampolino HS 135. Da sottolineare che due trampolini saranno ristrutturati e ammodernati per ospitare le prove olimpiche del 2026.

Gare che richiamano da sempre migliaia gli appassionati italiani e stranieri (che arrivano da Germania, Austria, Svizzera, Polonia, Slovenia, Repubblica Ceca, Russia, Norvegia, Svezia) pronti seguire sostenere i propri campioni in un connubio felice fra sport e turismo in Val di Fiemme, meta di vacanze invernali.

Così alla presentazione a Milano “città Olimpica” c’erano esponenti delle istituzioni, dirigenti sportivi, organizzatori a sottolineare questo legame e i valori espressi dal territorio e dai volontari da sempre impegnati a far funzionare al meglio la macchina degli appuntamenti e dei tanti eventi di contorno che animano la valle in occasione delle Coppe. L’assessore della Provincia autonoma allo Sport e Turismo Roberto Failoni, il direttore generale del comitato Fiemme Sky World Cup, Cristina Bellante madre di due atleti della nazionale di Combinata, Piero De Godenz da sempre impegnato sul fronte dello sport e del turismo, Maurizio Rossini di Trentino Marketing e Tiziano Mellarini di Fisi Trentino, il direttore dell' Apt Val di Fiemme Giancarlo Cescatti.

Con loro gli atleti, i veri protagonisti, donne e uomini, azzurri dal ricco palmares e giovani speranze del nostro sport che guardano all’appuntamento con i cinque Cerchi olimpici. I fondisti Caterina Ganz, Federico De Fabiani con il direttore tecnico Marco Selle; Alessandro Pittin, miglior fondista di Coppa nelle ultime due stagioni per la combinata, Samuel Costa tornato al top della condizione, il coach dei saltatori Federico Rigoni.

Tutte le informazioni su www.fiemmeworldcup.com
(Foto: Mattia Rizzi e Gaia Panozzo)