Il triangolo scudetto e la frenata della Juventus

Il triangolo scudetto e la frenata della Juventus

L egge del marketing e legge dello sport per certi versi si somigliano: la novità è l'anima del commercio. Mezza Italia, e forse qualche juventino, sono stufi di veder la Juve vincere scudetti: serve un rinfresco d'aria. E questo campionato sta diventando appassionante perché la Juve si sta concedendo con naturale lascivia al gioco in maschera: sono peggio io o siete meglio voi? E finché la Signora omicidi non ritroverà il naturale cinismo, numeri e fatti dicono che il campionato non farà rimpiangere il prezzo del biglietto. Tutti potranno giocarsi il dubbio, o la certezza, rispondendo alla domanda proposta con velata ironia per chi pensi che questo è un torneo riesumato ad antichi splendori. Vincerà la più forte o la meno debole? Schierarsi fa parte del gioco, dunque.. votiamo campionato per scoprire la squadra meno debole. Per ritrovarne una più forte serviranno adeguati rinforzi, si tratti di Juve, Lazio e perfino Inter che quest'anno non si è risparmiata. Se guardiamo i numeri, ci sarebbe da pensare che la più forte (meno debole) è la Lazio: minor numero di gol subiti (20 come l'Inter) e maggior numero di reti segnate (53), ed ha tenuto botta con il Verona che, invece, ha messo alle corde la Juve. Più avanti il Verona ci dirà anche dell'Inter, che all'andata vinse. Se guardiamo alle partite: la Juve si avvale di un successo in più ma siamo già a tre sconfitte, due maturate nelle ultime tre sfide. Meglio l'Inter: con tre pari negli ultimi 5 incontri non ha brillato, però i ko sono ancora fermi al match d'andata con i bianconeri. Regolare la Lazio anche nel giocarsi vittorie, sconfitte e pareggi. Sintesi direbbe: la Lazio è cresciuta, l'Inter sta facendo tesoro dei suoi acquisti e la Juve sconta la presunzione di un mercato poco avveduto. Vabbè i parametri zero ma guardate dov'è finito il Milan con tal politica. Si sapeva che Douglas Costa (fermo altri 20 giorni) e Khedira erano cristalli, Ramsey pure, e Rabiot un ninnolone bizzoso. Gli altri buoni routiniers. Sarri una incognita. Più forte sei, se vedi più lontano: non se ti guardi allo specchio.