Sport

Varenne al centro di un contenzioso. La sua curatrice: "Non portatemelo via"

Varenne potrebbe essere trasferito da Torino ad un clinica veterinaria a Pavia per via della sua gestione non proprio corretta. La sua curatrice: "Spostare un cavallo di 24 anni non è una decisione di buonsenso"

Varenne al centro di un contenzioso. La sua curatrice: "Non portatemelo via"

Il cavallo trottatore Varenne è considerato uno dei migliori e vincenti di sempre. Il purosangue italiano, infatti, ha messo insieme un montepremi di oltre 6 milioni di euro ed ed è dunque anche il più ricco trottatore della storia. Varenne è nato in Italia 24 anni fa il, 19 maggio del 1995, presso l'allevamente di Zenzalino a Copparo in provincia di Ferrara e vanta più di duemila eredi. Proprio questa cosa, però, è finita nel mirino della magistratura che indagherà effettivamente sul numero dei puledri nati effettivamente dal suo seme. Varenne, attualmente, si trova presso il maneggio di Grifone di Vigone, a Torino, ma a breve potrebbe essere trasferito. In atto infatti c'è un pesante contenzioso tra la società proprietaria dello stallone, la Varenne Futurity, che ha presentato un esposto ufficiale alla Procura di Torino contro la Varenne Forever di Valter Ferrero per alcune irregolarità nella gestione del cavallo.

Il legale del proprietario del purosangue italiano, Enzo Giordano ha spiegato come l'animale possa essere presto trasferito presso una clinica veterinaria specializzata in provincia di Pavia. Ecco le sue parole ripresa da La Repubblica.it: "È questa la destinazione più probabile, in quanto è uno dei migliori centri di assistenza veterinaria in Italia, dove lavora anche il dottor Cesare Rognoni che è il veterinario che attualmente lo segue. Giordano vuole molto bene al suo cavallo e quindi sta facendo di tutto perché abbia tutta l'assistenza necessaria e il necessario benessere- L'ultima volta che siamo andati a trovarlo, in occasione della notifica del sequestro giudiziario, non lo abbiamo trovato così bene, perché nel suo paddock c'era una fattrice con un puledro e la fattrice ed i puledri nel paddock di un cavallo anziano possono trasmettere delle malattie molto gravi. Aveva una evidente zoppia che nessuno aveva comunicato alla proprietà. Il proprietario ci è rimasto molto male, si è molto arrabbiato ed ha fatto subito intervenire il veterinario Rognoni. Alla proprietà interessa il benessere del cavallo"."

Annamaria Crespo è invece la donna che ha seguito Varanne negli ultimi 17 anni e ai microfoni del corriere.it ha spiegato amaramente come sia triste per la possibile perdita del suo amato stallone: "È stato tutto inutile. Spostare un cavallo di 24 anni non è una decisione di buonsenso. Un veterinario non dovrebbe permetterlo e dovrebbe tutelare la salute dell' animale. Lui sta bene qui, dove è trattato come un re. Chiunque se ne accorgerebbe anche solo visitando il suo box. Ma queste cose non dovrebbero avere rilevanza. Vari, io lo chiamo così, ormai è anziano, anche se sta benissimo. Mi hanno chiesto di seguirlo a Pavia, ma i miei genitori sono anziani e adesso devo occuparmi di loro. Questa volta non posso scegliere"."

La "tata" di Varenne ha poi spiegato la sua giornata tipo: "Arrivo alle 8 e vado via nel pomeriggio. Lui mangia tre volte al giorno, fa 40 minuti di "jogging" e poi lo porto sempre a fare una passeggiata. Non lo lascio mai solo più di una settimana, neppure per le ferie. Ha bisogno di me, perché io lo capisco. Al mattino, ad esempio, aspetta che io lo porti fuori per darmi un morso leggero sul fondoschiena. Quello è il segnale che è di buon umore.

Quando inarca il muso, invece, mi vuole dire che ha un prurito o che c' è qualcosa che gli stando fastidio".

Commenti