Vento, pioggia e «côtes»: una Pasqua a tutta birra

Vento, pioggia e «côtes»: una Pasqua a tutta birra

Non è una classica monumento e non è nemmeno la corsa delle corse, ma è pur sempre una gara di World Tour, la Champions del ciclismo. L'Amstel Gold Race è la corsa della birra, la gara in linea più importante d'Olanda, paese ad alta densità di biciclette e passione per le due ruote. Nata nel 1966, l'Amstel è la più giovane delle grandi classiche. Finora l'hanno vinta corridori di 12 nazioni, con i padroni di casa a quota 17 successi (Jan Raas l'ha vinta 5 volte), seguiti da Belgio con 11 e Italia con 6: l'ultimo, nel 2012, Enrico Gasparotto. Il primo fu Stefano Zanini (1996), che oggi sarà sull'Ammiraglia Astana e guiderà il rientrante Vincenzo Nibali. Partenza da Maastricht e arrivo dopo 251 chilometri a Valkenburg. Saranno 34 le côtes (ripide salitelle spaccagambe) da superare lungo le strade del Limburgo, in una corsa che sarà presubilmente resa dura dal vento e dalla pioggia. Al via Philippe Gilbert, che insegue il tris. Con lui il campione del mondo Alberto Rui Costa, Valverde, Joaquin Rodriguez e Kwiatkowski. Noi italiani, oltre a Nibali, schieriamo Cunego (che un'Amstel la vinse nel 2008), Diego Ulissi e Davide Rebellin (che la vinse nel 2004) e a 43 anni - dopo le vicende di doping e la medaglia d'argento olimpica di Pechino ritirata - correrà la classica d'Olanda per una squadra polacca di terza divisione (CCC Postal).Diretta tv: RaiSport 2 dalle 14.30, Eurosport dalle 15

Commenti