Violenza sessuale Arrestato Remy attaccante del Qpr

Dallo spogliatoio alla galera il passo è breve, almeno Oltremanica: dietro le sbarre i calciatori del campionato di Sua Maestà ci finiscono, e spesso, perchè guidano ubriachi, per intemperanze e violenze assortite o per molestie sessuali. È il caso del francese Loic Remy, centravanti del Queens Park Rangers, arrestato con l'accusa di stupro. Il 26enne attaccante, acquistato dal Marsiglia lo scorso gennaio per dieci milioni di euro, è stato prelevato dagli agenti di Scotland Yard direttamente dal suo appartamento di Fulham. Con lui sono stati incriminati e fermati altri due uomini, suo cugino e un amico. La denuncia è stata presentata da una donna, la presunta vittima, che accusa i tre di averla drogata per abusare di lei lo scorso 6 maggio.
Per il momento il Qpr, pur confermando di essere a conoscenza del fermo, non ha voluto commentare la notizia. Una prassi ormai assodata tra i club britannici, non nuovi a simili emergenze. Ne sa qualcosa il Manchester City che solo qualche mese fa ha dovuto gestire l'arresto di Carlos Tevez, sorpreso dalla stradale alla guida della sua fuoriserie nonostante la patente temporaneamente sospesa, ma quasi tutti i club hanno dovuto tamponare soprattutto le frequentissime situazioni di guida in stato di ebrezza alcolica.

Commenti