La voglia di Tyson di lasciare un bel ricordo

Una lezione di boxe vera fra 50enni. La vittoria di Mike? Non aver esagerato...

La voglia di Tyson di lasciare un bel ricordo

Stavolta non ha sbagliato un colpo. Detto di Mike Tyson non è fatto da sottovalutare. Non parliamo di colpi tirati contro Roy Jones nell'esibizione pugilistica fra over 50. Piuttosto di tutto quanto l'attuale Iron Mike poteva combinare di negativo ed invece ha predicato e mostrato boxe seppur da 50enne, esattamente come Roy Jones che però è dotato di miglior autocontrollo. Doveva essere esibizione (8 round da 2 minuti anziché i 3 dei match veri) e non è trascesa in un teatro della vanità. Lo Staples center di Los Angeles poteva essere un teatro di recita anziché un'arena di sport. Il match pari consegnato da una giuria di ex campioni era scontato come le palette del 10 per gli ospiti di Ballando con le stelle. Due 50enni hanno onorato il motto di certi show americani L'età è solo un numero e regalato una recita simil boxe: non scazzottatura, non penose gigionate, non abbracci e tenute da catch, ma la boxe vera che conoscono meglio di molti petulanti campioni del pugno. Dovevano evitare ferite, evitare, anzi Tyson doveva evitare, scriteriati colpi all'avversario, insomma il ko scabroso, e si sono tenuti. Mike fisicamente messo meglio nonostante i tre anni e i 4 kg in più. Roy Jones a caccia di brandelli della vecchia tecnica e Tyson a caccia di brandelli della famosa potenza e del suo gancio sinistro. Jones con i guantoni nel ricordo di Kobe Bryant, Iron Mike con i calzoncini e l'asciugamano nero che hanno fatto brand oltre alle scarpette senza calze. Inseguendo spiccioli del passato, due minuti di boxe sono una montagna da scalare. Ma a scopo benefico ne vale la pena: senza cadere nella buffonata e nemmeno nel patetico. Tyson ha raccontato della paura che diventa adrenalina. «E provo tutto quanto mi fa paura». Roy Jones si è detto pronto a riprovarci. Tutto fattibile, purchè si resti nell'esibizione. Tyson ha messo ancora l'accento sullo scopo benefico che lo guida. E allora un giorno sarebbe giusto vedere un Tyson-Holyfield e sarà ancora buona boxe: in ogni senso. Iron Mike forse non fa parte dei migliori 10 pesi massimi della storia, ma a modo suo è entrato nella storia e cerca di non uscirne: una volta tanto lasciando un buon ricordo.

Commenti

Spiacenti, i commenti sono temporaneamente disabilitati.