Stankovic e la cabala: fermare i tedeschi o Germania campione

Tutte le volte che i panzer hanno conquistato il Mondiale hanno sempre incontrato e battuto gli slavi: 1954, ’74 e ’90

Stankovic e la cabala: fermare i tedeschi o Germania campione

A Deki questa storia che sarebbe entrato nella storia non garba neanche un po’.

Il primo ad aver giocato in tre nazionali diverse una finale del Mondiale? E allora? Se prima si chiamava Jugoslavia e poi è diventata Serbia-Montenegro e poi Serbia e basta, lui cosa c’entra? Ditelo a quei capoccioni di Belgrado di mettersi d’accordo una volta per tutte, con queste guerre, e le divisioni etniche, e gli embarghi Onu, e la Uefa che tiene fuori la Stella Rossa dall’Europa, e l’autonomia montenegrina. Il calcio è calcio, mica Risiko. A parte che un certo Di Stefano l’ha fatto cinquant’anni prima. D’accordo, non erano i mondiali, ma erano tre nazionali vere, Argentina, Colombia e Spagna, e Alfredo Di Stefano ha giocato in tutte e tre.

Adesso comunque dopo la legnata con il Ghana le cose nel girone D si sono messe male anche se lui Dejan Stankovic nato a Belgrado centro da madre e padre calciatori, non ha perso le speranze: «Non tutto è perduto». Bisognerebbe che lo giocassero in ottobre il mondiale, mica in giugno, la Jugoslavia sempre gonfia di talenti in giugno non è mai andata forte al Mondiale, ottobre invece è il mese di Stankovic, lo sanno tutti. Il 10 ottobre scorso la Serbia si è qualificata per il Sudafrica con una giornata d’anticipo con un roboante 5-0 alla Romania, una settimana dopo Dejan entra negli annali per una rete al volo da 54 metri direttamente su rinvio di Amelia a Marassi, infine a Kiev batte la Dinamo, prende la testa del girone di Champions e lui mima il gesto del sesso orale davanti alle telecamere. In realtà era già il 4 novembre, concesso un quarto d’ora accademico visto l’exploit.

Invece qui si gioca in giugno, fa freddo ma non è ottobre e Dejan e la Serbia non girano. I cinque gol alla Romania sembrano lontanissimi, la Francia, avversaria nel girone di qualificazione, modestissima. Anche il Ghana non è la fine del mondo eppure ha vinto e ha già un piede negli ottavi. Quando a fine gara vanno tutti da lui a fargli i complimenti, Dejan non capisce e chiede spiegazioni: nessuno ha mai giocato tre edizioni dei mondiali con tre nazionali diverse, gli fanno, e lui: «Ma che c... Sarebbe stato più bello se avessimo vinto contro il Ghana, almeno a me avrebbe fatto più contento. È bello partecipare a tre edizioni diverse della Coppa del Mondo, ma sarebbe preferibile farlo ottenendo buoni risultati».
Una qualificazione che adesso diventa un’impresa, prossimo avversario la Germania, e mette i brividi. Non sono i quattro gol all’Australia, in fondo è stata una partita modesta, sono gli spettri di una nazionale che con il Mondiale e la Jugoslavia ha un conto sempre aperto. E la Uefa ritiene la Serbia l’erede naturale della Jugoslavia. Tre edizioni vinte dai tedeschi nel ’54, nel ’74 e nel 90’ e sempre la nazionale di Stankovic sul suo percorso, regolarmente battuta. Oggi c’è Serbia-Germania e dalle parti di Belgrado non sono così contenti. E quel Milos Krasic sembra più Nappi che il nuovo Nedved. Stankovic ha speso qualche parola in più per caricarlo: «Vai alla Juve? Diventi un mio nemico? Dai vieni da noi». Ma Dejan in certe cose non funziona, prima era il pupillo di Mancini e quando è arrivato Mourinho ha rischiato il posto di lavoro. Via Mourinho ha sponsorizzato il compatriota Mihajlovic ed è arrivato Benitez. È beneaugurante. Intanto se non batte la Germania è fuori, dare l’anima per restare in Sudafrica dopo una stagione dove ha spazzolato tutto quanto c’era sul banco dei trofei, in un giugno stupido che per Dejan potrebbero anche abolire.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti