Stati generali per la Roma del 2020

«A ottobre lanceremo gli stati generali dell’economia romana per costruire la Roma del 2020». Lo ha annunciato ieri il sindaco di Roma Gianni Alemanno intervistato da Radio Vaticana a margine del meeting di Comunione e liberazione a Rimini. «Quella del 2020 - ha aggiunto il sindaco - è una data simbolica che ci siamo dati per costruire una città all’altezza del suo passato. Dobbiamo trovare un equilibrio tra sviluppo e solidarietà. Il nostro obiettivo è di mettere assieme queste due realtà. Il futuro delle città è la capacità di essere luoghi di aggregazione e in cui si crea uno spirito di comunità. Nella nostra città l’elemento del patrimonio storico è quello che risalta di più agli occhi e questo va unito alla solidarietà». L’idea di Alemanno piace al sottosegretario ai Beni culturali Francesco Giro, secondo il quale «dobbiamo raccogliere e rilanciare l’annuncio dato oggi (ieri, ndr) dal sindaco Alemanno di una conferenza per ottobre degli Stati generali sullo sviluppo di Roma fondata sui due pilastri dell’innovazione e della solidarietà. È una iniziativa importante che dimostra lo sforzo in atto per ricostruire l’immagine culturale, morale ed economica della Capitale. Se come ha detto il sindaco Alemanno la data simbolo per costruire una grande Capitale europea è il 2020, possiamo fin d’ora affermare che Roma vivrà un momento di grande rilevanza nazionale e internazionale anche quando verrà celebrato il 150° anniversario dell’unità d’Italia. Come ha più volte dichiarato il sindaco Alemanno, in linea con gli auspici del Presidente Napolitano, Roma per quella data non sarà colta impreparata ma darà vita ad una serie importante di progetti per la crescita del suo sistema economico e per la valorizzazione del mondo della solidarietà che sempre l’ha animata».

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento