Il re degli occhiali e l'innovatore: cosa ci fanno Zuckerberg e Del Vecchio insieme

L’amministratore delegato di Meta e il numero uno di EssilorLuxottica si sono visti a Milano per parlare del progetto “smart glasses”

Il re degli occhiali e l'innovatore: cosa ci fanno Zuckerberg e Del Vecchio insieme

Il grande maestro dell'ottica italiana e uno dei più giovani innovatori a livello mondiale insieme per gli occhiali intelligenti. Oggi, mercoledì 4 maggio, Mark Zuckerberg e Leonardo Del Vecchio si sono visti a Milano per discutere i progetti di sviluppo sugli smart glasses.

Nuovo incontro tra l'amministratore delegato di Meta Platforms e il numero uno di EssilorLuxottica per fare il punto della situazione sui lavori per i nuovi occhiali smart. Zuckerberg ha reso noto su Facebook di aver incontrato il team del gruppo dell’occhialeria e, insieme a Del Vecchio, ha provato un’interfaccia con strumentazione posta sul polso, con la quale controllare gli occhiali intelligenti oppure altri device.

Nel settembre del 2020 i due gruppi avevano annunciato la collaborazione pluriennale per sviluppare la nuova generazione di smart glasses. Il progetto prevede l’unione delle applicazioni e delle tecnologie di Facebook con i marchi e la leadership nell’eyewear firmata Luxottica. Senza dimenticare il potenziale tecnologico delle lenti Essilor.

L’obiettivo è"combinare assieme il meglio delle due realtà, tecnologie innovative e stile, nell'obiettivo di dare vita a smart glasses che i consumatori abbiano davvero il desiderio di indossare", hanno reso noto le due società. Lo scorso settembre Facebook aveva presentato i suoi Ray-Ban Stories, frutto sempre della collaborazione con Luxottica. Smart glasses che consentono di scattare foto o girare video con un semplice comando vocale oppure attraverso un pulsante presente sulla montatura.

Per il momento non sono stati annunciati nuovi modelli, ma sono attese novità a stretto giro di posta. Come annunciato nelle scorse settimane, esistono diversi prototipi in rampa di lancio. Un’ulteriore conferma è arrivata grazie alla visita milanese di Zuckeberg: il fondatore di Facebook si trova in Lombardia da martedì e ha avuto modo di approfondire lo stato dei lavori.

Commenti