Crew Dragon rimane a terra: rinviato il lancio nello spazio

Gli astronauti Bob Behnken e Doug Hurley verranno lanciati nello spazio sabato prossimo. Musk continua ad aspettare...

Mancava pochissimo al lancio della Nasa da Cape Canaveral, in Florida, il primo da un decennio dal suolo americano e per la prima volta con un'astronave commerciale, la Crew Dragon di SpaceX. Il maltempo ha costretto la Nasa a cambiare programma in corsa, posticipando la missione.

Gli astronauti della Nasa Bob Behnken e Doug Hurley erano chiusi nella capsula, pronti per lo storico lancio, che sembrava confermato nonostante i nuvoloni all'orizzonte non promettessero niente di buono. Il via alla Demo-2, il primo trasporto di astronauti in orbita dal suolo americano da 9 anni, era previsto alle 22:33 italiane.

Il presidente Donald Trump era voltato in Florida per assistere all'evento accompagnato dalla first lady Melania. "La Nasa ha fatto un lavoro fantastico. E' incredibile", aveva detto il presidente americano, salvo rammaricarsi per l'appuntamento posticipato. "Un evento molto triste", ha quindi dichiarato The Donald.

"Un sogno che diventa realtà"

"Questo è un sogno che diventa realtà, per me e per tutti a Space X. Non pensavo che si sarebbe realizzato. Non avrei mai immaginato sarebbe successo, quando ho avviato SpaceX nel 2002". Il patron della Tesla e del suo braccio spaziale, Elon Musk, era carichissimo durante la diretta della Nasa. Purtroppo per lui "le avverse condizioni meteo" hanno fermato la capsula.

Lancio annullato

Quando mancavano pochi minuti al lancio è arrivata la doccia fredda. La missione della Crew Dragon di SpaceX è stata posticipata per il cattivo tempo. Lo ha reso noto la Nasa. Tutto è stato rinviato a sabato 30 maggio, alle 15:22 di Washington, le 21:22 in Italia. Fino ad allora i due astronauti saranno rimessi in quarantena.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.