Teheran, annullata missione parlamentari Ue

La visita a Teheran di un gruppo di europarlamentari, che si sarebbe dovuta svolgere dal 7 all’11 gennaio, è stata rinviata. Ufficialmente per problemi organizzativi. A Teheran nuova ondata di arresti per gli oppositori del regime

Teheran, annullata  
missione parlamentari Ue

Teheran - È stata rinviata una missione che un gruppo di parlamentari europei avrebbe dovuto effettuare in Iran dal 7 all’11 gennaio. Lo ha reso noto il ministero degli Esteri di Teheran, spiegando che c’è la necessità di "fare gli opportuni preparativi per far sì che la visita favorisca il raggiungimento dei massimi livelli di cooperazione fra Teheran e l’Ue". Numerosi europarlamentari si erano detti contrari alla missione dopo le repressioni delle proteste di piazza.

Manette agli oppositori È stato arrestato ieri sera Mehdi Mohtamedi Mehr, dirigente del partito d’opposizione Nehzat-e Azadi (Movimento per la libertà). Lo riferisce il sito riformista "Rahesabz", spiegando che Mehr è stato convocato ieri dal ministero dell’Informazione e, dopo un lungo colloquio, è stato arrestato dai funzionari dello stesso ministero. La settimana scorsa era stato arrestato il segretario generale di Nehzat-e Azadi, l’ex ministro degli Esteri Ebrahim Yazdi. Mehr si occupa delle questioni legali del suo partito ed è stato membro del Comitato per la difesa del voto libero in Iran, impegnandosi durante la campagna elettorale per le presidenziali di giugno a favore della libertà di voto.

 

Commenti