Telefoni muti, proteste nei vicoli

Telefoni muti, proteste nei vicoli

È da quasi una settimana che i telefoni del centro storico sono muti, ma nessuno interviene per riparare il guasto. Infatti, denunciano i residenti, il 191 della Telecom non dice nulla sul ripristino di un certo cavo che avrebbe interrotto le linee, per cui le proteste ormai non si contano più.
«Stamattina sono stato più di tre ore a chiamare la sede della Telecom spa di Torino e non sono riuscito a parlare con nessun responsabile - spiega un residente - Ho chiamato la sede di Roma (stessa identica cosa), ho mandato due fax, anche con l’articolo uscito sull’argomento nel quotidiano il Giornale nella pagina dedicata a Genova. Ho chiamato nuovamente quattro volte il 191 e nessuno dà mai risposte».
Sono l’incertezza e il senso di impotenza le sensazioni di maggior sconforto che provocano una valanga di proteste.
«Siamo disperati - spiega un imprenditore - Il telefono è troppo importante per noi della Colombi litografica, così come per qualsiasi cittadino. Dopo la mia espressa affermazione che avrei denunciato la Telecom per il disservizio, un addetto del centralino di Torino si è messo letteralmente a ridere. Questa è la ennesima beffa per un cittadino che esige solo un servizio che paga profumatamente, viste le bollette telefoniche sempre più care e che incidono maledettamente sulla spesa di una famiglia e sui costi di una azienda».
E c’è già qualcuno che pensa al da farsi. «Sarebbe da raccogliere le firme e le lamentele dei cittadini per intentare una causa di gruppo - propone una signora - Forse la Telecom spa sarebbe più celere nel risolvere i guasti della rete».

Commenti