Tuttofood, l'agroalimentare made in Italy scommette sull'export

A Fiera Milano la biennale internazionale dell'agroalimentare. Fino al 22 maggio in vetrina il meglio della produzione italiana. Edizione in crescita: oltre 2.000 espositori in sei padiglioni con otto aree tematiche

L'export come missione per agganciare il binomio ripresa e crescita, le eccellenze agroalimentari del made in Italy come motori del business, l'accordo con Expo 2105 come percorso per valorizzare quello che il Bel Paese produce di inimitabile, unico, desiderato, cercato perché legato allo stile di vita italiano considerato all'estero come un must. Il peso dell’export è stato di 24,8 miliardi di euro nel 2012, con un incremento dell’8%, a fronte della gelata dei consumi delle famiglie italiane alle prese con la lunga crisi. Questo è Tuttofood 2013, la biennale internazionale dell'Agroalimentare, in programma a Fieramilano (Rho) dal 19 al 22 maggio 2013.

La quarta edizione della rassegna è cresciuta ancora con la presenza di 2.000 espositori in sei padiglioni su una superficie di 120.000 metri quadrati: il che significa il 15% in più rispetto all'edizione del 2011, con un aumento dell'11% di espositori. Come spiega il presidente di Fiera Milano, Michele Perini, Tuttofood "mette in contatto l'eccellenza italiana con una platea internazionale ampia e qualificata, lavorando insieme alle aziende di uno dei settori cardine della nostra tradizione industriale e culturale per creare una nuova cultura di business in Italia e nel mondo".

Con una novità importante, perché a partire da questa edizione, Tuttofood diventa l'ambasciatore "perfetto" di Expo 2015 (con cui ha stretto una partenership) che è dedicata ai grandi valori dell’alimentazione, del rispetto per l’ambiente e dello sviluppo del settore agroalimentare come stimolo al progresso per i Paesi più poveri con il tema "Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita". Proprio a questi temi è dedicato infatti il convegno inaugurale domenica 19 maggio (sala Sagittarius, ore 10.30), mettendo in relazione istituzioni importanti come il World Food Programme, l'agenzia delle Nazioni Unite impegnata contro la fame nel mondo, insieme alle grandi realtà in grado di proporsi come investitori a livello globale per coniugare business e sviluppo. Percorso che porta all'edizione 2015 di Tuttofood, quando il salone aprirà nei giorni di apertura dell'Esposizione Universale. Al convegno che sarà aperto dal saluto del presidente di Fiera Milano, Michele Perini, sono previsti interventi del ministro per le Politiche agricole Nunazia De Girolamo, del commissario unico di Expo Giuseppe Sala, di Linda Kiess del World Food programme, di Paolo De Castro presidente della commissione Agricoltura del Parlamento europeo e di Paolo Magri direttore dell'Ispi. Presenti anche l'assessore della Provincia Giovanni Del Nero e il sottosegretario regionale con delega all'Expo Fabrizio Sala.

Le aree tematiche salgono a otto

Quest'anno la piattaforma fieristica e di business di Tuttofood è più ampia e si articola in ben otto aree tematiche specializzate: lattiero-caseario, carni e salumi, dolciario, multiprodotto, biologico, con la sezione BtoBio, surgelati e fuori casa. Un' area specifica è interamente riservata alle realtà istituzionali italiane e internazionali, che daranno l’opportunità soprattutto alle piccole imprese di mettersi in mostra per far conoscere le tipicità territoriali e accompagnarle nella ricerca di nuovi mercati all'estero. Da sottolineare come la partecipazione delle maggiori realtà associative della filiera agroalimentare fanno della manifestazione un punto di riferimento per il settore: grandi associazioni come Aidepi, Assica, Unaprol, Unionalimentari e Unas non solo hanno condiviso gli obiettivi di Fiera Milano e rappresentano il proprio comparto anche con varie iniziative e aree a tema: oltre a DolceItalia infatti, a Tuttofood la Aidepi organizza importanti convegni formativi per il settore dolciario. Assica porta le conoscenze di esperti che mettono a disposizione interessanti informazioni e conoscenza sull'export e sui mercati su cui puntare, mentre Unas illustra i vantaggi dei prodotti surgelati in un convegno ad hoc. L'area educational Tuttofood Academy, allestita all’interno della manifestazione, è il teatro di show cooking, scuole di educazione, contest e tante altre iniziative che coinvolgono gli operatori in modo originale e utile.

Sempre più internazionale

Ma la connotazione fondamentale di Tuttofood è l'internazionalità, la presenza sempre più forte di buyers che arrivano da tutto il mondo. "Esportare, esportare ed ancora esportare è la parola d'ordine del made in Italy dell'agroalimentare - spiega Marco Serioli direttore della divisione Exhibitions di Fiera Milano - e noi ci siamo impegnati in modo particolare e con impegno concreto proprio su questo fronte così importante proprio per offrire nuove opportunità alle imprese, soprattutto a quelle medie e piccole che da sole non hanno la possibilità di farlo, in una visione della fiera come strumento di politica industriale al servizio di chi produce. Per questo sono presenti rappresentanti dei mercati dei quattro continenti e di 60 Paesi, tra cui i primi dieci sono Stati Uniti, Canada, Germania, Svizzera, Francia, Spagna, Giappone, Brasile, Belgio, Cina. E sono già confermati molti appuntamenti di business tra i buyer e più del 50% degli espositori, per un totale di circa 6.000 incontri già assegnati su 50.000 incontri prenotati fino ad oggi", aggiunge Serioli con soddisfazione, commendato i dati assieme a Paolo Borgio, direttore della manifestazione. "Questo ampio calendario di incontri è stato reso possibile dal progetto Emp – Expo matching program, l'agenda digitale ideata per creare un network di buyers internazionali altamente profilati. La presenza di 2.000 aziende e la partecipazione convinta delle associazioni di settore è stata determinante per consentirci di lavorare in modo efficace sui mercati esteri, tanto che abbiamo già 30mila visitatori preaccerditati".

Non solo, la rete estera gestita da Fiera Milano e dai suoi partner in Cina, India e Brasile, consente altre opportunità, perché le aziende espositrici di Tuttofood possono partecipare a Food Hospitality World, la manifestazione dedicata al food e al canale ho.re.ca. organizzata direttamente a Mumbai, Bangalore, Guangzhou (Canton) e San Paolo, che diventa un'ulteriore, concreta possibilità di ingresso nei mercati internazionali per le imprese.

Convegni, formazione e concorsi...

Fiera per il business ma anche occasione per approfondimenti e formazione con convegni e incontri ad hoc e anche vetrina per la promozione di "buone pratiche" produttive grazie a una serie di concorsi dedicati ai valori dell’ecosostenibilità, della qualità certificata e dell' innovazione: fra gli oltre 300 prodotti presentati, i prescelti dalle giurie di ogni concorso saranno esposti nelle buyers lounge e verranno votati dai buyers e dai giornalisti presenti alla mostra. Tutti i prodotti in concorso sono esposti lungo le Food Avenue, offrendo un’occasione di visibilità unica per le aziende che partecipano al concorso e una opportunità curiosa per i visitatori di entrare in contatto con i prodotti più interessanti. La proclamazione dei vincitori si terrà il 21 maggio alle ore 14.30 nell’area Bio (pad. 13).

In viaggio verso il business

Per consentire ai visitatori italiani e stranieri di raggiungere Milano a costi vantaggiosi, Tuttofood ha stretto una sefrie di accordi: con le compagnie aeree Turkish Airlines, Latan, Meridiana, Air Berlin e Alitalia per i voli; con Trenitalia per favorire i visitatori che giungeranno in treno e con Atm per la mobilità locale, che mettono a disposizione speciali soluzioni di viaggio.

Tuttofood - Biennale Internazionale dell’Agroalimentare
Quando: dal 19 al 22 maggio 2013, dalle 09.30 alle 18.30 (22 maggio chiusura alle 16)
Dove: fieramilano - Rho, Padd. 9-11, 13-15, 22-24
Ingressi: Porta Ovest, Porta Sud, Porta Est
Per saperne di più: www.tuttofood.it

LEGGI LO SPECIALE "Fiera Milano - Il mondo del business"

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.