Valori in corso

Dichiarazione di Antonio Di Pietro: «Quelli che, rinviati a giudizio, non si sospendono, vengono buttati fuori dal partito; e chi ha la fedina sporca manco si candida». La dichiarazione è di martedì scorso, ma la riportiamo solo oggi perché è da martedì scorso che ridiamo. Cioè: la vedete questa pagina? L'elenco degli indagati e dei condannati che sono stati regolarmente candidati nell'Italia dei valori, alivello locale o nazionale, in questa pagina non ci starebbe. Si potrebbe cominciare da quella volta che Di Pietro, ad Amantea, in Calabria, fece due comizi con un personaggio già allora indagato per brogli elettorali e condannato per abuso, poi riarrestato con l'accusa di aver ricevuto aiuti elettorali dalla ’ndrangheta, dunque in attesa di giudizio per concorso esterno in associazione mafiosa. Di Pietro non era informato: cose che capitano. Ma l'elenco, appunto, è lunghissimo e ogni giorno se ne scopre una nuova. Per dire: qui a Ponza, da dove scriviamo, sindaco dell'isola fu a lungo Antonio Balzano, condannato a due anni e mezzo per danneggiamento, inquinamento ambientale e peculato; è stato inoltre condannato dalla Corte dei conti e detronizzato da sindaco perché amministratore di una società in affari col Comune. Perfetto: secondo voi in quale partito ha ultimamente trovato accoglienza e candidature?
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.