Vaticano, lascia un altro consacrato: accuse di molestie su suora

Vaticano, un padre incaricato presso la Congregazione per la Dottrina della Fede ha lasciato il suo incarico: una ex suora lo ha accusato di abusi

Vaticano, lascia un altro consacrato: accuse di molestie su suora

Un'altra possibile bufera sta interessando il Vaticano. Padre Hermann Geissler, che era stato incaricato presso la Congregazione per la Dottrina della Fede, ha già smentito quanto denunciato da una suora - in realtà un'ex consacrata - , che lo ha accusato di molestie sessuali, ma ha pure deciso di rassegnare le proprie dimissioni da quello che una volta si chiamava Sant'Uffizio.

Un'ulteriore storia riguardante un ecclesiastico curiale - in quanto appartenente a un organo della Curia della Santa Sede - , è balzata alle cronache in queste ore. L'altro caso, molto diverso da questo in oggetto, riguarda un presule argentino nominato da Bergoglio all'Apsa, mons. Zanchetta.

Monsignor Ladaria, che papa Francesco ha nominato prefetto dopo la mancata riconferma del cardinale Mueller, ha accettato l'atto attraverso cui Geissler ha preferito rinunciare al suo ruolo in Congregazione: "Il religioso - hanno specificato dalla Sala Stampa del Vaticano - ha fatto tale passo per limitare il danno già arrecato alla Congregazione e alla sua Comunità. Egli ribadisce che l'accusa contro di lui non è vera e chiede che sia continuato il processo canonico già iniziato. Si riserva anche eventuali misure di natura legale".

Quello della suora, quindi, sarebbe solo fango gettato contro un uomo innocente. La vicenda presenta dei dettagli che vale la pena sottolineare: Doris Wagner-Reisinger, questo il nome della persona che ha accusato il padre, cioè di colei che si è tolta l'abito da suora, ha presentato una vera e propria denuncia - come riportato dall'Agi - , all'interno della quale si parla di violenza sessuale. Ma stando alle risultanze, la fattispecie relativa all'illecito penale in questione sarebbe già stata esclusa da coloro che stanno indagando.

Padre Geissler, quindi, non è stato "rimosso", ma avrebbe deciso di fare un passo indietro per evitare ulteriore frastuono attorno al Vaticano. Tra poche settimane, del resto, avrà inizio il meeting che dovrà affrontare il tema degli abusi ai danni di minori e di adulti vulnerabili.

Commenti