Vecchi argomenti

Caro Pietrangelo Buttafuoco, leggo sempre i tuoi articoli in cui denunci le varie mafie culturali e letterarie: m’interessano e li condivido nella sostanza. Non ho mai dato retta a chi sostiene che critichi i circoli radical-snob sinché non ne fai parte: ci sono prove abbondanti del contrario, dico sul serio. Nel tuo definirti «un impresentabile», escluso da ogni «celebrata società letteraria», colgo semmai uno stucchevole complesso catacombale da ex fascista o da fascista, scusami, non sono più aggiornato; ma fa niente, ripeto che condivido la sostanza di quello che scrivi. Una sola cosa non mi va giù, e lo dico con un linguaggio che so di potermi permettere: la tua tendenza a denunciare le mafiosità contrapponendone delle altre. Cioè: io apprezzo Antonio Scurati anche se non mi ha mai invitato da nessuna parte, e trovo penoso Sergio Luzzatto anche se non ha mai scritto niente contro di me; non mi sogno nemmeno di dire che Francesco Merlo sia meglio di Alessandro Baricco - che tieniti forte: io apprezzo - solo perché è un mio amico ed è catanese, come fai tu; non m’invento che il buon Peppino Sottile sia meglio di tutti i Montalbano solo perché è tuo amico, come hai scritto tu. Eccetera. Inoltre leggo i tuoi articoli e li condivido - ripeto - anche se i tuoi romanzi li trovo illeggibili. E io questa cosa non la chiamo defezione, e neanche essere austro-ungarico rispetto a un siciliano: la chiamo libertà. Puoi capirmi?
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.