A Venezia la giuria in conclave Gara tra Lourdes e Lebanon

Dopo una settimana di polemiche, rancori politici e slogan che hanno il sapore di vecchio, la Laguna si prepara a eleggere il re per una sera. In pole position le pellicole di Jessica Hausner e Samuel Maoz. Poche chance per Baarìa di Tornatore. Oggi il debutto di Tom Ford alla regia

A Venezia la giuria in conclave 
Gara tra Lourdes e Lebanon

Venezia - E' una corsa a due. A ventiquattr'ore dalla cerimonia di chiusura della 66esima Mostra del Cinema di Venezia cresce l'attesa tra gli addetti ai lavori. Tra rumor di corridoio e verità a mezza bocca, con le ultime proiezioni dei film in concorso, è già iniziato il toto-Leone. Dopo una settimana di polemiche, rancori politici e slogan che hanno il sapore di vecchio, la Laguna si prepara a eleggere il re per una sera.

All'ultimo voto Il quadro è completo e la giuria ha già iniziato le riunioni per decidere a chi assegnare l’ambito Leone d’Oro e i diversi premi collaterali. Tra i papabili, a giudicare dalle indiscrezioni trapelate al Lido, il film franco/austriaco Lourdes di Jessica Hausner e l’israeliano Lebanon di Samuel Maoz. Qualche chance potrebbero averla anche A single man dello stilista Tom Ford e Mr. Nobody di Jaco Van Dormael. Poche speranze per l’Italia, nonostante i quattro titoli in concorso: è difficile che i giurati decidano di premiare Baaria di Giuseppe Tornatore e Il grande sogno di Michele Placido.

I premi collaterali Margherita Buy è nella rosa delle candidate alla coppa Volpi come miglior attrice, mentre invece poche sono le possibilità per La doppia ora del debuttante Giuseppe Capotondi. I cinefili vorrebbero un premio a Werner Herzog, ma forse il fatto di aver avuto due titoli in concorso potrebbe essere controproducente per l’autore tedesco, a cui magari la giuria deciderà di assegnare un premio speciale per il complesso dell’opera. Minime le speranze di Todd Solondz o di Michael Moore, mentre il vero colpo di scena sarebbe la vittoria della commedia Soul Kitcken di Fatih Akin, genere sempre sottovalutato dai palmares dei festival.

Commenti

Grazie per il tuo commento