Spot razzista in Cina: "I neri si lavano in lavatrice"

Sta ricevendo aspre critiche la pubblicità di un detersivo in commercio in Cina. Nel corso dello spot, infatti, per esaltare le qualità del prodotto viene suggerito che sarebbe anche in grado di "sbiancare" un uomo di colore, trasformandolo così in un cinese dalla carnagione chiara

Spot razzista in Cina: "I neri si lavano in lavatrice"

La pelle scura può essere “sbiancata” efficacemente in lavatrice? Secondo la pubblicità di un detersivo cinese, Qiaobi, evidentemente sì.

Nel corso dello spot, divenuto virale, succede proprio questo: dopo essere stato messo in lavatrice, un uomo di colore - per di più sporco di vernice e in procinto di baciare la protagonista femminile – si trasforma a fine lavaggio in un attraente ragazzo cinese dalla carnagione chiara. Risultato, questo, che sembra essere assai gradito alla donna, estasiata e soddisfatta dell'evidente cambiamento.

Peccato che la scelta di marketing operata da Qiaobi abbia ovviamente proiettato la pubblicità del marchio in un vero e proprio polverone mediatico, sollevando aspre e dure accuse di razzismo nei confronti dello spot. La discussione è molto accesa sui social network, dove in molti hanno chiesto che la campagna pubblicitaria venga immediatamente ritirata, anche se dalla società asiatica al momento non è giunta alcuna dichiarazione in merito. Di seguito, il tanto contestato filmato.

Commenti