Williams, contrabbasso classico esalta l’Adagio di Joaquin Rodrigo

Il contrabbasso fu adottato dal jazz come strumento a pizzico, più che ad arco, e come supporto ritmico degli attrezzi melodici che erano soprattutto la tromba, il trombone e il clarinetto. Soltanto dopo molto tempo il contrabbasso diventò strumento dialogico, di integrazione solistica (all’inizio degli anni Quaranta, con Jimmy Blanton) e poi anche di solismo puro. Più difficile fu l’avvento di contrabbassisti come direttori di gruppi e di orchestre, ma l’esempio del genio di Charles Mingus ha fatto scuola. Nel teatro di Bollate, nell’hinterland di Milano, si è ammirato un suo grande successore, Buster Williams, in quartetto con Stefon Harris, vibrafonista stupendo, George Colligan pianoforte e Lenny White batteria. Musica eccellente e perfetta coerenza impressa al gruppo, di stile «classico contemporaneo», dalla forte personalità del direttore. A lui si deve il vertice del concerto con un magnifico exploit di solo contrabbasso, per il quale ha scelto il tema bellissimo dell’Adagio del Concierto de Aranjuez di Joaquin Rodrigo.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti