In 10mila per «Età Libera»

In 10mila per «Età Libera»

È stato un altro successo. La Fondazione Carige ha vinto una nuova scommessa portando intorno a palazzo Ducale diecimila persone. Si tratta del «Festival dell’età libera» che ha vivacizzato il centro genovese nello scorso week end. La due giorni dedicata all’espressività artistica, alla creatività e alla manualità, alla valorizzazione del territorio, della tradizione e alla riscoperta degli antichi mestieri e dell’artigianato ha visto la partecipazione agli spettacoli di duemila persone, la mostra «Anziarte» ha registrato un’affluenza di cinquemila persone. Grande successo di pubblico anche per i giochi dedicati ai più piccoli, il mercato Sapori al Ducale e la rassegna «Manualmente», selezione delle migliori creazioni manuali- artistiche di piccoli artigiani che lavorano legno, pietre dure, stoffe, vimini, modellismo, nel ricordo degli antichi mestieri e delle tradizioni legate ai nostri nonni. Cinquecento, di cui 50 premiati, i finalisti dei concorsi di pittura, fotografia, poesia, cortometraggi, disegni e temi. Complessivamente il numero dei visitatori nelle due giornate raggiunge quota diecimila.
Il Progetto Anziani ha come obiettivo la promozione dell’invecchiamento attivo per accrescere il benessere, l’inclusione e il ruolo sociale delle persone che invecchiano, costruendo nuovi rapporti intergenerazionali, interculturali e sostenendo che si trova in situazioni di fragilità sociale e fisica. È necessario far crescere la consapevolezza che l’allungamento della vita sia una conquista dell’uomo, della società civile e un risultato dello sviluppo della scienza medica da valorizzare in quanto la vecchiaia e gli anziani rappresentano un valore sociale e comprendere come la vecchiaia non sia un’età vuota, ma ricca di relazioni e di ruoli che danno valore alla vita e agli anni come «età libera»; sperimentare forme di volontariato, di cittadinanza attiva e solidale in attività assistenziali, sociali, culturali, ambientali e civiche.

Commenti

Grazie per il tuo commento