5. Che cosa serve ancora? Difensori centrali cercansi

In attesa di risolvere il problema dei dissidenti (Ledesma potrebbe ricucire lo strappo nell’incontro di oggi a Cortina tra il suo procuratore e il presidente Lotito e restare nella rosa di Ballardini, De Silvestri è vicinissimo alla Fiorentina, Pandev è al momento la grana maggiore ma potrebbe esserci una nuova offerta dei russi dello Zenit), alla Lazio occorrerebbe un altro difensore centrale. Mandato in prestito il giovane Tuia, che si farà le ossa al Monza in Prima Divisione della Lega Pro, i vari Siviglia, Cribari e Diakité hanno bisogno di una valida alternativa: sfumato Lugano, l’obiettivo è il brasiliano del Gremio Rever. Sicuro l’arrivo dell’attaccante 18enne uruguaiano Barreto. C’è poi da sfoltire una rosa che supera abbondantemente i 30 elementi.
In casa Roma la lista degli acquisti è lì pronta da tempo, in attesa di soldi e/o di occasioni. Serve un portiere esperto, visto che Doni torna a ottobre e Artur non dà garanzie; serve un attaccante di peso che offra un contributo di gol e alternative tattiche soprattutto quando il match non si sblocca; serve soprattutto un difensore centrale che faccia da affidabile vice a uno Juan che non sembra poter garantire più di 20-25 partite in un campionato. Esemplare la situazione in cui si trova Spalletti in vista della trasferta di Genova di domani: infortunato Juan, squalificato Mexes, ha il solo Andreolli (in cui perlatro ha dimostrato di non credere) abile e arruolato. Al suo fianco? Burdisso se arriva in extremis o un improvvisato Riise.

Commenti