Abbattuta la cascina occupata dagli abusivi

INTERVENTO I vigili irrompono anche nell’ex scuola di via Zama: 6 rom identificati e denunciati

Abbattuta la cascina occupata dagli abusivi

La parola fine l’hanno scritta le ruspe. Dopo lo sgombero di circa 150 nomadi disposto dal prefetto, l’insediamento abusivo nella cascina Bareggiate di Pioltello è stato abbattuto. Forse una volta per sempre.
Le operazioni hanno preso il via ieri mattina presto. Coordinati dalla questura di Milano, i vigili di Pioltello e i carabinieri del comando di Cassano d’Adda hanno fatto irruzione nella cascina che in passato è arrivata a ospitare anche trecento romeni. La storia dell’occupazione della cascina Baraggiate è lunga. I primi a prenderne il possesso, anni fa, furono dei marocchini clandestini. Poi arrivarono i romeni, che cacciarono i nordafricani e si insediarono in pianta stabile nel caseggiato. Un nucleo ben nutrito, nella quale spesso trovavano rifugio anche mele marce. Qui lo scorso anno fu scovata la «scuola di ladri» che insegnava a bimbi e adolescenti rom «l’arte» del borseggio. E sempre qui si nascondevano gli stupratori di una donna italiana di 31 anni, prima di essere catturati dalle forze dell’ordine.
«Le precarie condizioni igienico-sanitarie, lo stato di degrado e di pericolosità delle strutture - ha detto il sindaco del comune, Antonio Concas, criticato in passato per la linea troppo morbida nei confronti degli inquilini abusivi - erano destinate a mettere sempre più a rischio l’incolumità delle persone presenti. Le grandi dimensioni dell’insediamento e la densità delle presenze, molte delle quali con pesanti situazioni penali, costituiva poi una minaccia per l’ordine e per la sicurezza pubblica».
Quello di Bareggiate è il secondo intervento in pochi giorni nel milanese. Di tre giorni fa è il blitz dei ghisa nell’ex scuola di via Zama, di proprietà del Comune di Milano. All’interno si erano insediati abusivamente 6 rom, quattro donne e due uomini, tutti denunciati per l’occupazione. L’edificio abbandonato è stato trovato in pessime condizioni dopo il passaggio degli zingari. Il vicesindaco De Corato ha sottolineato come nella stessa scuola fossero già stati effettuati altri sgomberi.

Commenti