Adesso Scidone chiede aiuto all’esercito

Adesso Scidone chiede aiuto all’esercito

(...) è drasticamente peggiorata negli ultimi due mesi». I dati della questura fanno paura: già superati i crimini del 2010. E alla fine del 2011 mancano ancora tre mesi. «Io l'avevo già detto in primavera - dice lui -Certo, non era emergenza. Ma la situazione era già difficile». «Stupisce sentire l'assessore parlare così - osserva Gianni Bernabò Brea, La Destra -: lui per primo in quest'aula ha più volte ridimensionato il problema, come se non esistesse, o fosse una invenzione dei cittadini».
Bernabò Brea ha interrogato l'assessore proprio sul tema sicurezza, insieme a molti altri consiglieri, di tutti gli schieramenti: Emanuele Basso, Salvatore Lecce, Alessio Piana, Guido Grillo, Walter Centanaro e Angela Burlando. Tra loro, Lilli Lauro, Pdl, ha chiesto le dimissioni dell'assessore. «E non è la prima volta», commenta. Ma dopo l'insicurezza, a Tursi si scoprono anche gli immigrati. «L'ha già detto il sindaco - prosegue l'assessore Scidone -, ci sono alcuni immigrati che per la città sono un problema. Quelli vanno allontanati dal territorio, il prima possibile. Così come ci sono esercizi commerciali che dovrebbero scomparire: c'è una latteria in via Prè che vorrei vedere chiusa domani mattina, ma non rientra nei nostri compiti». Un maggiore controllo del consumo di alcool, più controllo da parte del questore sulle aperture delle sale scommesse e un incontro con la magistratura genovese per fare il punto della situazione della giustizia. Come se non bastasse, poi, a Tursi si scoprono anche gli alpini, tanto vituperati e considerati inutili: ma adesso servono. «Lo dirò anche al questore - dice ancora Scidone -bisogna pensare a nuovi percorsi per l'esercito che non prevedano le passeggiate al porto Antico a dare informazioni ai turisti. Ancora meglio, si potrebbero utilizzare per obiettivi stanziali, per liberare così polizia e carabinieri che possono avere altre funzioni».

Commenti