Agnoletto va all’attacco: «La nuova sede? Sfarzo inutile»

Un «Mezzogiorno di fuoco» quello del presidente Roberto Formigoni e del candidato della sinistra radicale Vittorio Agnoletto. L’irriducibile no global aspetta Formigoni fuori dalla nuova sede della Regione Lombardia, da perfetto sfidante. E il presidente non si tira certo indietro ma affronta il confronto nella pubblica piazza, come nei migliori duelli western. La gente intorno è ammutolita. Formigoni arriva «a cavallo» della sua bicicletta da città con un cappello, guarda caso, da provetto cowboy. «Ma serviva tutto questo sfarzo?» incalza Agnoletto indicando i 39 piani appena inaugurati a pochi metri dal Pirellone. «È una reggia da monarca, da faraone - urla davanti a tutti, affiancato da alcuni manifestanti -. E con tutti i soldi che sono stati sprecati, si sottraggono 500 milioni da spendere per l’edilizia pubblica». Formigoni cerca di prendere la parola, ma Agnoletto sembra un fiume in piena e continua con la sua pistolettata di critiche. Poi arriva il momento delle spiegazioni, secche. Formigoni, senza perdere le staffe, sfodera i numeri: «Ti sbagli. Il palazzo servirà a 2.000 dipendenti e questo progetto ci farà risparmiare 25 milioni di euro l’anno, che saranno utilizzati per politiche positive».
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.