Agricoltura, il Lombardia arrivano i distretti

La costituzione di distretti agricoli permette di mettere in atto strategie di filiera o di territorio e di promuovere una nuova competitività

Regione Lombardia prepara il debutto dei distretti agricoli, strumenti, sul modello dei distretti e meta-distretti industriali. Una delibera definisce i requisiti attuativi di legge per l'accreditamento. «La Regione - spiega l'assessore all'Agricoltura Luca Ferrazzi - avvia una fase nuova per il sistema agroalimentare lombardo che comprende le produzioni certificate e tutelate e le produzioni tipiche o tradizionali». Dei circa 150 prodotti agroalimentari italiani riconosciuti a livello comunitario con i marchi Dop e Igp, 25 sono prodotti in parte o esclusivamente in Lombardia. Di questi, 24 sono già registrati. Le filiere interessate sono quelle relative a: lattiero-caseario con 11 formaggi; carne con 9 prodotti; olio d'oliva con 2 oli; frutticola con 2 prodotti. Poi, sul fronte vino, le produzioni viticole regionali si distinguono per la loro caratteristica di eccellenza e l'elevata incidenza di denominazioni geografiche riconosciute: 5 Docg, 14 Doc, 14 Igt. «La costituzione di Distretti agricoli - sottolinea Ferrazzi - permette di mettere in atto strategie integrate e condivise a livello di intera filiera o di territorio, di promuovere nuovi fattori di competitività e di contrastare efficacemente il rischio di marginalizzazione territoriale subita dal settore agricolo e agroindustriale».
In pratica Regione Lombardia accrediterà il Distretto sulla base di istanze presentate da gruppi di imprese che illustrino la rappresentatività in termini di numero di imprese aderenti, di significatività a livello settoriale o territoriale, di disponibilità del patrimonio scientifico e tecnologico.
«I distretti - conclude Ferrazzi - dovranno nascere con l'obiettivo di creare interrelazioni e interdipendenze produttive tra le imprese agricole e agroalimentari e possono rappresentare un'opportunità di sviluppo per produzioni certificate e tutelate, per realtà agricole caratterizzate da un'identità storica e territoriale o per comparti agroindustriali a elevata specializzazione».

Commenti