Airc, in piazza le arance contro il cancro

Auspicano una raccolta di quasi 4 milioni di euro i volontari dell’Associazione italiana ricerca sul cancro che ancora una volta tornano nelle piazze italiane con l’iniziativa &quot;Le arance della salute&quot; <br />

Milano - Auspicano una raccolta di quasi 4 milioni di euro i volontari dell’Associazione italiana ricerca sul cancro che ancora una volta tornano nelle piazze italiane con l’iniziativa "Le arance della salute". Saranno 435mila le reticelle di arance in vendita sabato in 2.077 piazze italiane al prezzo di 9 euro l’una con l’intento di raccogliere fondi per la ricerca sul cancro. "È una giornata importante - spiegano in una nota gli organizzatori - perchè si propone di aiutare la ricerca a rendere il cancro sempre più curabile. Infatti, l'obiettivo è finanziare circa 140 nuovi progetti di ricerca". L’intento però è anche quello di informare. "Il 50% dei tumori dipende da stili di vita scorretti e il 30% da cattive abitudini alimentari", proseguono gli organizzatori che fanno sapere che le reticelle della salute saranno accompagnate dalla pubblicazione: "I pro e i contro della dieta vegetariana". Un volume che contiene diversi consigli utili e ricette per chi segue questo tipo di regime alimentare.

In campo anche la scuola
L'iniziativa vede anche la partecipazione del mondo della scuola: domani studenti, insegnanti e genitori distribuiranno le reticelle in 676 scuole, in 19 regioni italiane. "Sarà  l'occasione per indirizzare i ragazzi fin da piccoli a una corretta alimentazione a prevenzione del cancro e per coinvolgerli in maniera attiva nel sostegno alla ricerca - spiegano all’AIRC - tra le scuole partecipanti ne verranno estratte 10 e ciascuna verrà  premiata con una postazione multimediale, a riconoscimento del loro impegno"
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.