"Aiutateci a comprare un cavallo per curare i disabili"

Appello del centro Cre-Anire La Colombera, vicino a Binasco: quattro cavalli non ci bastano più. Concerto per raccogliere fondi, il 5 maggio alle Marcelline di via Quadronno

C'è Pippo, cavallo tarchiatello che si fa tirare la coda e le orecchie. E c'è Martina, puledra slanciata, che ad ogni zuccherino, ringrazia all'infinito leccando le mani di chi le offre leccornie. Sono i cavalli che non si ribellano mai perchè "capiscono", quelli che hanno una marcia in più e vengono impiegati - con grande successo - nell'ippoterapia. Montati e accuditi dai disabili, riescono ad aiutare i loro cavalieri a guarire. A sentire meno il dolore, a superare un disabilità fisica, a vincere una depressione. Ingredienti essenziali: il contatto forte con la natura, l'impegno quotidiano, la gratitudine dell'animale.
Al centro di ippoterapia "Cre-Anire La colombera" (dell'associazione nazionale di riabilitazione equestre) di Casarile (Binasco) c'è urgente bisogno di un cavallo nuovo. Anzi di una cavalla. Spiega Cristina Fabbrini, operatrice del centro, che "la puledra proverrebbe dallo stesso allevamento di Martina, che al momento le terapie si svolgono con 4 cavalli ma per far fronte alle numerose richieste è indispensabile acquistarne uno nuovo". Sono una trentina i disabili fisici e psichici seguiti dal centro. Segnalati dai centri diurni, dagli ospedali o dalle famiglie, "non siamo specializzati in una patologia, la nostra ippoterapia giova alla sindrome di Down come alla schizofrenia" aggiunge l'operatrice. Da qui l'idea di un concerto benefico per raccogliere fondi, un recital del pianista Paolo Alderighi, fra il classico e il jazzistico. Si terrà il 5 maggio all'istituto Marcelline di via Quadronno 15, i biglietti (20 euro l'uno) si possono acquistare telefonando al 348-5400123 o la sera stessa.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.